Home Argomenti Claudia Sheinbaum, chi è la prima presidente donna eletta in Messico

Claudia Sheinbaum, chi è la prima presidente donna eletta in Messico

23
0
Claudia Sheinbaum
Claudia Sheinbaum

Premio Nobel per la Pace nel 2007, fisica, ricercatrice, autrice di libri sull’ambiente, la neo presidente del Messico nata in una famiglia di scienziati ebrei, è stata governatrice di Città del Messico per sei anni prima di candidarsi e vincere alle presidenziali.

“Non vi deluderò”. Sono le prime parole di Claudia Sheinbaum Pardo eletta prima presidente del Messico alle elezioni presidenziali. Classe 1962, nata da una famiglia ebrea, i suoi genitori sono scienziati, è stata capo del governo di città del Messico dal 2018 al 2023. 61 anni, fisica, ingegnere, politica e ricercatrice messicana, Sheinbaum ha un dottorato di ricerca in ingegneria energetica ed è autrice di oltre 100 articoli e due libri sui temi dell’energia, dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile. Ha contribuito all’Ipcc (Intergovernmental Panel on Climate Change) e ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace nel 2007. Si definisce “figlia del 1968”. Ha preso parte ai movimenti di solidarietà con le lotte operaie e contadine.

La famiglia

Sheinbaum è nata a Città de Messico nel 1962 in una famiglia ebrea laica emigrata dalla Lituania e dalla Bulgaria all’inizio degli anni ’40 per sfuggire all’Olocausto. Entrambi i suoi genitori sono scienziati: suo padre è ingegnere chimico e sua madre biologa. Suo fratello è un fisico.  Dal 1987 al 2016 è stata sposata con il politico Carlos Ímaz Gispert col quale ha avuto una figlia, Mariana, nata nel 1988. Nel 2023 si è sposata in seconde nozza con Jesús María Tarriba Unger, un analista dei rischi finanziari della Banca del Messico e diventa matrigna di Rodrigo Ímaz Alarcón, 41 anni regista messicano. 

La politica e il suo programma di governo

Nel 2018 Sheinbaum è stata eletta per un mandato di sei anni come capo del governo del Distretto Federale di Città del Messico. La sua amministrazione è stata caratterizzata da questioni ecologiche e da una forte politica sociale, creando infrastrutture e distribuendo aiuti sociali nei quartieri più poveri. Durante il suo governo ha promosso importanti progetti come il Metrobús e il programma di riforestazione urbana. A giugno 2023 le dimissioni da capo del governo con una popolarità record del 68% in disaccordo la scelta del candidato del suo partito Morena alla presidenza in vista delle elezioni del 2024 . A settembre dello stesso anno diventa la candidata della coalizione Insieme faremo la storia, che comprende il Movimento di rigenerazione nazionale (Morena), il Partito del lavoro e il Partito ecologista verde del Messico. La prima presidente donna in Messico  promette riforme economiche per rafforzare lo Stato sociale e di perseguire una politica “sulle energie rinnovabili” sopratuto sull’acqua che il Messico sta per esaurire e sulla questione della violenza, in particolare contro le donne. 03 giu 2024

Fonte Link: tg24.sky.it