Home Dossier Amministrative 2017 a Parma Elezioni 2017, corsa unitaria pro Scarpa per Ghiretti e Pellacini. Effetto Parma...

Elezioni 2017, corsa unitaria pro Scarpa per Ghiretti e Pellacini. Effetto Parma di Pizzarotti attacca: “Un Vignali bis”

242
1

Si riduce il numero dei candidati a sindaco. La lista “La città che unisce” sarà presentata il sei maggio. Pizzarottiani: “Un Vignali bis”

Convergenza di Giuseppe Pellacini nella lista Parma Unita che sosterrà Paolo Scarpa alle elezioni Comunali dell’11 giugno 2017.

La lista sarà presentata ufficialmente sabato sei maggio. “Faccio un passio indietro – ha detto Pellacini, fino a oggi in corsa per il ruolo di primo cittadino con Centristi per Parma – per appoggiare Scarpa. Il bene della città è superiore agli interessi personali. In questi cinque anni, insieme a Ghiretti, siamo stati all’opposizione, accumunati da tante idee. Per non rendere vana questa vicinanza ideale e programmatica, è doveroso creare una forza unitaria, per liberare la città da Pizzarotti”.

Il nuovo simbolo – presentato venerdì mattina al bar San Pietro in piazza Garibaldi – reca i nomi dei due movimenti, accompagnato da sette stelle, a simboleggiare la dimensione europea di Parma. Lo slogan scelto è “La città che unisce”.

“La decisione – ha commentato Roberto Ghiretti – nasce da cinque anni d’impegno in Consiglio comunale. In questi mesi abbiamo visto troppe ambizioni personali, che hanno generato micro o macrocosmi. La nostra è un’alleanza variegata – riconosce il civico – ma è proprio questa la sua bellezza. Una coalizione in cui il Pd è una delle componenti. Paolo Scarpa è una persona competente e di carattere, rappresenta un’alternativa possibile a Pizzarotti”.

Si riduce così da undici a dieci il numero dei candidati sindaco con l’uscita di scena della lista Centristi per Parma del candidato Pellacini.  Un segnale, probabilmente, lanciato da una parte del campo civico che non ha gradito la candidatura di Laura Cavandoli della Lega; i moderati vanno altrove.

I due consiglieri comunali (entrambi ex assessori nella Giunta Vignali) saranno tra i 32 candidati che compongono la lista, ma correranno come 31esimo e 32esimo. Nello schieramento ci saranno molti nomi nuovi e capolista sarà un giovane. Sabato 29 aprile partirà la raccolta firme in via Mazzini, mentre il sei maggio ci sarà la presentazione ufficiale, punto di partenza della campagna elettorale, che verrà condotta all’insegna delle sobrietà: il budget massimo di spesa non supererà i settemila euro. “Saremo in piazza e sui marciapiede – hanno annunciato all’unisono – in mezzo alla gente”. 

Cinque i temi programmatici condivisi dalle due forze: sicurezza e ordine pubblico, lotta al degrado, rifiuti, associazionismo e sport, famiglie e servizi. “I 240 punti li lasciamo a qualcun altro” ha commentato Ghiretti, riferendosi al programma recentemente presentato dal sindaco Pizzarotti. 

“Ci uniamo – ha concluso il civico – dietro il nome di un candidato serio e capace. Sono onorato di essere parte di una coalizione in cui vi sono diversità e dialettica. Non abbiamo bisogno di uomini soli al comando”.

Non si fa attendere l’intervento di Effetto Parma che parla di “Vignali bis” a sostegno di Scarpa. “Sono infatti tre gli uomini dell’allora sindaco ora in squadra con Scarpa: Giuseppe Pellacini, dal 2009 al 2011 assessore alla gestione del Patrimonio Immobiliare e alle Politiche Abitative; Roberto Ghiretti, dal 2009 al 2011 assessore allo Sport; Paolo Zoni, dal 2007 al 2009 assessore alle Politiche Abitative, dal 2009 al 2011 delegato al Commercio e oggi sempre presente a supporto degli eventi di Scarpa”.

Dentro allora chi, come il consigliere Pellacini, “ai tempi non lontani della militanza Udc ha avuto il coraggio di parlare in Consiglio comunale di ‘problemi e disagi’ per i figli di coppie gay. E pazienza se stona con gli ideali di chi si candida come uomo di sinistra. Del resto, si sa: per arraffare voti, la mancanza di coerenza è subito pronta a diventare ‘cambiamento’, portando però con sé spettri del passato.

Così, aggiunge il movimento a sostegno della ricandidatura del sindaco Federico Pizzarotti – “dopo il sostegno degli ex ubaldiani di Civiltà Parmigiana al candidato del Pd durante le primarie, adesso un’altra fetta di quella Parma da bere si fa avanti – e non indietro – unendosi a quel gioco di spartizione di voti e poltrone figlio della vecchia politica. La stessa che, abbandonate le scomode bandiere di partito, si ricicla come un nuovo civismo dell’ultim’ora per rimettere le mani in tasca alla città”.

“Sono gli stessi amministratori complici della gestione che ha lasciato Parma immersa nei debiti: con che coraggio pensano di avere credibilità agli occhi dei parmigiani? Il centro sinistra si farà di nuovo complice accondiscendente di un Vignali bis? Scarpa condivide i valori di questa classe politica?”. 28 aprile 2017

Fonte Link parma.repubblica.it