Home Argomenti Sorgenti (politica) Il CDM salva l’Ad della RAI Carlo Fuortes

Il CDM salva l’Ad della RAI Carlo Fuortes

125
0
Carlo Fuortes AD Rai
Carlo Fuortes AD Rai


Passa il decreto che costringe al pensionamento il sovrintendente del teatro San Carlo di Napoli, Stephane Lissner, per lasciare il posto all’attuale amministratore delegato della tv pubblica. Rinviate le nomine di GdF e Polizia. Ok allo stato di emergenza per Emilia Romagna e Calabria.

Dopo più di due ore di ritardo, si è riunito il Consiglio dei ministri che ha dato il via libera al provvedimento che consentirà all’attuale amministratore delegato della Rai di diventare il prossimo sovrintendente del teatro San Carlo di Napoli. In questo modo Carlo Fuortes lascerà il suo posto a Viale Mazzini consentendo al governo di procedere con una nuova nomina. 

La norma studiata dal governo interviene sul limite di età entro cui scatta il pensionamento dei direttori delle fondazioni liriche, così da consentire all’amministratore delegato della Rai, Carlo Fuortes, di andare a dirigere il Teatro San Carlo di Napoli alla cui guida c’è ora Stephane Lissner. Il decreto legge, al primo punto all’ordine del giorno, riguarda “Disposizioni urgenti in materia di amministrazione di enti pubblici e società, di termini legislativi e di iniziative di solidarietà sociale”.  

Rinviata invece la nomina per riempire la casella lasciata vuota da Giuseppe Zafarana, ex comandante della Guardia di Finanza proposto dal governo come prossimo presidente di Eni. Salta anche la nomina del prefetto di Roma, che dovrebbe essere assegnata a Claudio Palomba, attuale prefetto di Napoli alle prese con la gestione dell’ordine pubblico in città in vista dell’imminente scudetto.  

Fonte link diretto: https://www.ilfoglio.it/politica/2023/05/04/news/via-libera-dal-cdm-alla-norma-salva-fuortes-5229176/

Previous articleRussia, papà Masha estradato da Bielorussia: “Picchiato con violenza”
Next articleFesta scudetto Napoli, campione d’italia, muore ragazzo di 26 anni: era stato ferito a colpi d’ arma da fuoco. 203 i feriti