Home Dossier INPGI Il governo sbarra la strada all’allargamento dell’Inpgi a nuovi iscritti. Ora non...

Il governo sbarra la strada all’allargamento dell’Inpgi a nuovi iscritti. Ora non resta che la carta di un emendamento, M5S permettendo

306
0
INPGI: Istituto Nazionale di Previdenza Giornalisti Italiani

Giorgio Levi

Insomma, alla fine è andata come ormai era chiarissimo dovesse andare. Il decreto legge “Crescita” n. 34 del 30 aprile 2019 è entrato in vigore ieri 1° maggio 2019 e non si fa cenno in alcuna parte alla possibilità che l’Inpgi possa portare all’interno dell’istituto di previdenza gli oltre 13 mila comunicatori. Un numero sufficiente di nuovi iscritti a rimettere in sesto le disgraziatissime casse previdenziali dei giornalisti. Forse non sufficienti a risanare il bilancio, ma abbastanza consistenti a migliorare i conti e a far pensare a progetti futuri di risanamento.

Com’è noto la vicenda ha visto contrapposti un gruppo di senatori leghisti, che avevano inserito nel decreto una voce a sostegno del progetto Inpgi, e il M5S che si è sempre opposto. A cominciare dal presidente della Camera Fico.

Che cosa accadrà adesso? Il sottosegretario al Lavoro Claudio Durigon (Lega, tra i primi sostenitori del provvedimento pro Inpgi) ha ribadito che la norma serve non solo a evitare il commissariamento dell’Istituto, ma anche a dargli una prospettiva concreta. Dunque, la Lega tornerà alla carica proponendo un emendamento. Tutto sta però a vedere quale sarà la risposta del M5S.

Il clima di conflittualità all’interno del governo non induce all’ottimismo. A questo si aggiunga che sono in corso qui i tanto decantati Stati Generali dell’Editoria e dell’Informazione voluti dal sottosgeretario Vito Crimi (M5S) che nel lungo calendario d’incontri (28 maggio – 4 luglio) non ha inserito nei tavoli di discussione il tema Inpgi. Secondo quanto dichiarato a suo tempo dallo stesso Crimi la situazione Inpgi merita un confronto a parte. Ma quando? Se sarà a settembre, al termine di tutti i lavori, sarà troppo tardi. Mentre è molto più urgente confrontarsi prima. Sempre che il M5S apra ad un emendamento.  

Credits

Il decreto legge Crescita in vigore dal 1° maggio

Fonte Link: https://giorgiolevi.com/2019/05/02/il-governo-sbarra-la-strada-allallargamento-dellinpgi-a-nuovi-iscritti-ora-non-resta-che-la-carta-di-un-emendamento-m5s-permettendo/

Previous articleNON ESISTE IL DIRITTO DI BUFALA STORICA. 
Next articleCrescita, Sapelli: “Gomez? Ha ragione. La cultura cambia le cose, l’economia no”. Stoccata a Di Maio