Home Argomenti Animali Martin Schulz Parlamento Europeo sui cani randagi rumeni

Martin Schulz Parlamento Europeo sui cani randagi rumeni

49
0
Link

Con riferimento alla lettera della Signora Laura Pontini sul problema dei cani randagi in Romania, Massimo Terrile del movimento Antispecista ci scrive che :

Il Presidente del Parlamento europeo (PE) Martin Schulz ha ricevuto la Sua
comunicazione sul trattamento dei cani randagi in Romania.
Il Servizio informazioni per i cittadini del PE è stato incaricato di
risponderLe. La Sua lettera ha ricevuto tutta la meritata attenzione.
Vorremmo innanzitutto informarLa che le istituzioni dell’Unione europea sono
sensibili ai problemi esistenti a livello di controllo della popolazione di
animali da compagnia in alcuni Stati membri e quindi anche alla questione
del benessere dei cani randagi.
Benché l’articolo 13 del trattato sul funzionamento dell’Unione
europea imponga di tenere pienamente conto delle esigenze in materia di
benessere degli animali nella formulazione e nell’attuazione di talune
politiche dell’UE, esso non fornisce una base giuridica né esige che siano
affrontate le questioni relative al benessere degli animali, che non sono
quindi soggette a regolamentazione dell’UE e rimangono responsabilità
esclusiva degli Stati membri.
In secondo luogo va rilevato che, per quanto concerne il Parlamento europeo,
l’Istituzione attribuisce grande importanza al benessere degli animali. Alla
luce dell’elevato numero di petizioni ricevute da parte di cittadini
dell’UE, il 4 luglio 2012 è stata approvata una risoluzione sulla
definizione di un quadro giuridico dell’UE per la protezione degli animali
domestici e degli animali randagi  [2012/2670(RSP)], in cui si chiede alla
Commissione, tra l’altro, di proporre strategie di gestione degli animali
randagi.
A tale proposito è stata organizzata dalla Commissione una conferenza sul
benessere di cani e gatti nell’Unione europeadal titolo “Building a Europe
that cares for companion animals” (costruire un’Europa attenta agli animali
da compagna) che si terrà a Bruxelles il 28 ottobre 2013. Si tratterà di una
preziosa occasione per aprire il dibattito sulle considerazioni pratiche in
materia di benessere degli animali da compagnia e sulle ulteriori azioni
necessarie in vista di un miglioramento in tal senso.
Infine Le comunichiamo, a titolo informativo, che, per quanto riguarda il
diritto di petizione al Parlamento europeo, tutte le informazioni
dettagliate sulle procedure di presentazione di una petizione nonché sulle
condizioni di ammissibilità (competenza, forma, modalità) sono consultabili
sul sito web del Parlamento europeo.
La ringraziamo per aver contattato il Parlamento europeo.
Distinti saluti,
Servizio informazioni per i cittadini
Parlamento europeo
Le informazioni dell’Unità “Servizio informazioni per i cittadini” del
Parlamento europeo non sono giuridicamente vincolanti

La Toscanini