Home Dossier Elezioni Europee 2024 Stretto tra Meloni e i governatori, Salvini teme la débâcle. E ora...

Stretto tra Meloni e i governatori, Salvini teme la débâcle. E ora chiede a Zaia di candidarsi

54
0
Matteo Salvini (foto Ansa)
Matteo Salvini (foto Ansa)

LUCA ROBERTO 
Il segretario della Lega ha paura della disfatta alle europee (da cui si è tirato fuori). Così vuole uno sforzo dagli amministratori locali (che gli chiedono più impegno sul terzo mandato)

Va in tv a dire che alle europee candiderà “gli amministratori locali”. Polemizza con Urbano Cairo sugli sconti ai calciatori stranieri che “guadagnano milioni”. Ha ripreso a cucinare risotti col bimby. A Strasburgo sogna Vannacci, ma il suo vero ariete è Zaia. E’ con grande abnegazione che Matteo Salvini sta cercando di ridefinirsi. Intanto, temendo di essere stritolato dalla premier Meloni, s’è tirato fuori dalla corsa elettorale: “Se ci staccano, il governo non ne risentirà”. Eppure il rischio non è solo di non arrivare a quel 14 per cento di cui parla il sottosegretario Durigon. Perché l’altro spauracchio sono le apprensioni dei governatori del nord sul terzo mandato. Così adesso vuole amministratori in lista. Per lunedì prossimo, Salvini ha convocato un consiglio federale che si occuperà proprio di elezioni europee e amministrative. Potrebbe essere l’occasione per annunciare Vannacci candidato, a cui il Capitano ha già chiesto di porsi sull’attenti. Mentre se n’è lavato le mani Gianluigi Paragone, per cui si ipotizzava un ritorno alla casa del padre. “Ma preferisco fare il giornalista”, ha chiarito ieri l’ex direttore della Padania. Eppure per il leader del Carroccio la gran parte delle apprensioni viene dal fronte dei presidenti di regione.11 GEN 2024

Fonte Link: il foglio.it