Home Argomenti Animali Campagna internazionale contro l’abuso di antibiotici negli allevamenti animali

Campagna internazionale contro l’abuso di antibiotici negli allevamenti animali

241
0

La coalizione di associazioni di consumatori Consumers International ha lanciato una campagna in tutti i paesi (in Italia l’iniziativa è supportata da  Altroconsumo)  chiedendo alle principali catene di fast food – McDonald’s, Subway e KFC – di non servire più carne di animali trattati in modo routinario con antibiotici utilizzati anche in medicina umana. Il motivo della campagna e la crescente preoccupazione  verso il continuo incremento di batteri resistenti a questi farmaci. Lo scorso mese di marzo, McDonald’s si è impegnata a usare solo polli antibiotic-free entro due anni nei  ristoranti statunitensi e canadesi. Consumers International chiede che un analogo impegno sia preso anche per gli altri tipi di carne e non solo in Nord America.

In ottobre, anche Subway ha annunciato un piano per l’eliminazione degli antibiotici dalla carne negli Stati Uniti ed entro la fine del 2016 sarà venduta solo carne di polli allevati senza l’utilizzo di antibiotici. Per la carne di tacchino, Subway inizierà la sostituzione il prossimo anno e conta di completarla entro due-tre anni. Più lunghi i tempi per la carne di manzo e di maiale, per cui il termine è fissato al 2025. Consumers International chiede alla compagnia informazioni su cosa intenda fare nel resto del mondo.

Alla catena KFC, che non ha assunto alcun impegnoConsumers Internationalchiede se la compagnia ha un piano di azione su questo problema.  La resistenza agli antibiotici sta crescendo velocemente in tutto il mondo e non può essere contrastata con lo sviluppo di nuovi farmaci. Per questo è necessaria una forte riduzione del loro utilizzo nell’allevamento di animali dove si utilizzo a scopo preventivo e non curativo. Anche l’impiego dei medicinali per favorire e accelerare la crescita dei polli è  consentito in molti paesi, tra cui gli Stati Uniti, mentre è vietato nell’Unione europea. Nonostante le crescenti preoccupazioni a livello internazionale, Consumers International sottolinea come l’uso degli antibiotici negli allevamenti risulta in aumento.  Secondo stime  attendibili si prevede di passare dalle  63.200 tonnellate del 2010 a 105.600 tonnellate tra quindici anni. D’altro canto oltre il 70% degli antibiotici utilizzati nell’uomo viene oggi impiegato negli allevamenti, per cui non bisogna meravigliarsi se questi farmaci sono sempre meno efficaci nella cura delle infezioni. 

 Beniamino Bonardi