Home Dossier Amministrative 2022 Parma Effetto Parma con Guerra: i candidati in lista fra conferme e nuovi...

Effetto Parma con Guerra: i candidati in lista fra conferme e nuovi ingressi

425
0

Presentati ufficialmente al Circolo Giovane Italia i candidati della lista Effetto Parma: una squadra di 32 aspiranti consiglieri (tredici donne e diciannove uomini) in un “equilibrio di background ed esperienze diverse, uniti dalla passione
comune per la città di Parma e i suoi cittadini”, come sottolinea il movimento civico.

Sono undici i ricandidati: gli assessori Marco Bosi, Michele Alinovi e Ines Seletti; tra i consiglieri uscenti Cristian Salzano, capolista, Elisabetta Quaranta, Ferdinando De Maria e Sebastiano Pizzigalli che insieme a Bosi si ricandida per la terza volta.

Il sindaco uscente Federico Pizzarotti, che non si ricandida ma pone il suo nome nel nome della lista, parla di “inizio di una nuova sfida. Abbiamo in lista donne e uomini che rappresentano la nostra città e ciascuno con il suo contributo porta un arricchimento. Ci sono professionisti, operai, studenti, insegnanti, una parte uscente della nostra Amministrazione e tante facce nuove. C’è tanto entusiasmo e voglia di fare e sarà sicuramente un mese entusiasmante in cui non ci saranno orari e saremo sempre in giro nei quartieri per incontrare i cittadini, raccontare quello che abbiamo fatto in questi dieci anni e per portare la nostra esperienza”.

Presente anche il candidato sindaco della coalizione Uniti Vice Parma, Michele Guerra. Tra il pubblico gli assessori uscenti Marco Ferretti e Tiziana Benassi. Ha portato un saluto anche Alessandro Tassi Carboni, uscito da Effetto Parma.

“Mi candido perché voglio mettere a disposizione dieci anni di esperienza amministrativa e politica – dichiara Alinovi -. Abbiamo fatto tante cose e contribuito alla crescita della città. Un anno fa abbiamo deciso di confrontarci con il Pd ed Effetto Parma è in prima linea nella coalizione e nella costruzione del programma”.  Fra i successi sottolinea la “riapertura della questione al Governo e in Regione dell’alta velocità ferroviaria”.

Salzano ricorda invece che “nel 2017 mi sono candidato e nominato capogruppo, e oggi mi rituffo nell’avventura perché mi piace: in questi anni ho girato in tutti i quartieri e sono stato in mezzo alle persone e credo sia la cosa più bella di questa esperienza”.

Salzano si sofferma poi sul tema sicurezza: “Più presidio vuol dire sicurezza quindi ci impegneremo a continuare il dialogo aperto in questi anni con cittadini e associazioni di categoria per riportare le persone a rivivere la città. Dobbiamo cercare di riavvicinarci e tornare nelle strade con eventi ed entusiasmo”.

“Ci sono cose che si danno per scontato ma oggi Parma non è più una città dove lavorano gli amici degli amici ma chi ha i meriti. – dichiara Bosi – Se oggi parliamo di produrre e progetti è perché non c’ è più questa una voragine”.

“Nel 2021 sono stati 900 i bambini che hanno fatto sport perché il Comune li ha aiutati a farlo. Vogliamo continuare verso questa direzione e garantire la possibilità di crescere e divertirsi. Sono molto orgoglioso di quanto fatto fino ad oggi ma c’ è ancora lavoro per arrivare a una città  equa e alla portata di tutti”.

Ari.Be.

 

I nomi dei candidati

Salzano Cristian
Alinovi Michele
Bianchi Simona
Bologna Daniele
Bosi Marco
Castaldini Laura
Cavatorta Michela
Ceresini Alessandro
Chiari Laura
Deantoni Lorena
De Maria Ferdinando
Di Patria Cristina
Falzone Alfonso
Fuso Adriano
Gafaro Barrera Alvaro
Grassi    Massimiliano
Graziani Davide
Macaluso Valeria
Massari Roberto
Pessina Iuri
Petruzziello Anna
Pinto Oronzo
Pizzigalli Sebastiano detto Pizzi
Quaranta Elisabetta
Reggiani Monica
Reverberi Donato
Rizzi Giulio
Robuschi Sonia
Rosi Andrea
Seletti Ines
Zaccardi Alessandro
Zallio Barbara
14 MAGGIO 2022
Fonte Link:parma.repubblica.it 

Previous articleRoberta Roberti: “Street Food al Parco Ducale. Ancora una volta il Comune di Parma consente la devastazione del nostro polmone verde cittadino.
Next articleTeatro Regio di Parma a rischio taglio di contributo ministeriale del FUS