Home Dossier Amministrative 2022 Parma Elezioni, Il Tar riammette “Generazione Parma” e respinge le liste della Roberti...

Elezioni, Il Tar riammette “Generazione Parma” e respinge le liste della Roberti e della Canova: nessuna donna in corsa per la fascia di sindaco

390
0

Il Tar ha appena riammesso nella competizione elettorale la lista Generazione Parma, che sostiene la candidatura a sindaco di Dario Costi. Brutte notizie invece per Roberta Roberti: la sua lista Parma città democratica non potrà proseguire la campagna elettorale. Così ha deciso il Tar dopo il ricorso presentato dall’avvocato Marcello Mendogni contro la ricusazione della lista decisa domenica dalla commissione circondariale. Il Tar respinge anche il ricorso di Parma democratica, la lista che sostiene la candidatura di Michela Canova. 
Quindi, in seguito alle sentenze dei giudici amministrativi, questa sarà una campagna elettorale senza candidate sindaco donna, dopo l’esclusione delle liste a sostegno di Michela Canova e Roberta Roberti.

Lucio Rossi, presidente e capolista di Generazione Parma: “Siamo contenti della decisione del Tar, crediamo che lo spirito democratico, il buon senso e la giustizia abbiano trionfato eravamo convinti fin dall’inizio di non aver commesso alcun tipo di errore che potesse pregiudicare la nostra partecipazione alle elezioni e cancellare quanto di buono abbiamo fatto e continuiamo a fare per il bene della città. Ci teniamo a mostrare piena solidarietà verso le due liste non riammesse, da oggi riprende ufficialmente il cammino al fianco di Dario Costi che rappresenta la figura ideale per il rilancio di Parma. Un grazie particolare ai nostri legali che si sono prodigati per la causa facendo emergere la verità“.

Il candidato sindaco civico Pietro Vignali: “Roberta Roberti e Michela Canova erano due mie avversarie alla carica  di sindaco. La loro esclusione mi lascia sinceramente dispiaciuto e incredibilmente perplesso e non solo perché viene meno il diritto delle persone a scegliere con il voto democratico. A causa della decisione della Commissione elettorale del Comune di Parma, confermata dal Tar, lasciano, infatti, il campo le uniche due donne in corsa, un fatto che di per sé è una sconfitta per tutti. A loro, alle loro sostenitrici e sostenitori, va tutta la nostra solidarietà e il mio in bocca al lupo per il ricorso al Consiglio di Stato. Se c’è qualcuno che sta brindando per questa esclusione oggi, non siamo certamente noi”.

Potere al Popolo: “Pur non potendo entrare nel merito della decisione presa dal Tar, che ha escluso Roberta Roberti e Michela Canova dalla competizione elettorale, non possiamo che esprimere rammarico per questa notizia, perché da domani il confronto democratico sarà più povero. Possiamo solo sperare che il contributo di idee e prospettive da loro rappresentate riesca a trovare spazio nel dibattito di questa campagna elettorale, e non solo, a vantaggio della città”. 

“Pietro Vignali è il sindaco che tutte le città dovrebbero volere ed apprezzare, un uomo che mette al centro dello scontro politico l’individuo e non l’interesse personale, che tratta tutti alla pari e gioca su un campo esclusivamente professionale”. Così Francesco Patamia, Presidente del Partito Europei Liberali commentando un post apparso sui social in cui il candidato a Sindaco di Parma esprime dispiacere e perplessità, per l’esclusione dalla corsa elettorale di Roberta Roberti e Michela Canova, uniche donne in corsa per la carica. “Come Partito Europei Liberali, siamo orgogliosi di essere al suo fianco in questa campagna elettorale” conclude Patamia. 20 Maggio 2022

Fonte Link: gazzettadiparma.it

Previous articleElezioni, respinto dal Tar il ricorso di Canova e Roberti: candidature escluse
Next articleDichiarazione Roberta Roberti conferenza congiunta con Michela Canova