Home Dossier Amministrative 2022 Parma Lorenzo Lavagetto non sottoscrive l’accordo PD Effetto Parma di Federico Pizzarotti

Lorenzo Lavagetto non sottoscrive l’accordo PD Effetto Parma di Federico Pizzarotti

196
0
Link
Lorenzo Lavagetto Capogruppo PD in Consiglio Comunale
Lorenzo Lavagetto Capogruppo PD in Consiglio Comunale

Lorenzo Lavagetto, sottolinea che a titolo personale e come iscritto al Pd, rileva innanzitutto di “avere letto lunedì sulla stampa per la prima volta il documento Pd – Effetto Parma che titola Uniti vince Parma. E, come immaginabile, non lo sottoscrivo. Ci si potrebbe chiedere come mai non l’abbiamo potuto leggere – ed emendare – prima che venisse reso pubblico. Se le segreterie del Pd avessero avuto di mira l’unità, il confronto con la base sarebbe stata la prima cosa da fare. Grave che si legittimi un accordo politico così rilevante sulla base di un mandato conferito da una sola assemblea di 21 votanti su oltre 100 aventi diritto. Nel momento in cui però decido di non sottoscrivere, e non sono l’unico, viene a mancare la condizione apparentemente fondamentale per la vittoria: l’unità”; ma, rimarca Lavagetto: “verrebbe da chiedersi uniti a chi”.
Lavagetto dà appuntamento allo Shakespeare martedì 26 ottobre 2021 alle 18,30.

Affossato nel metodo, Lavagetto boccia il documento anche nel merito. “Scelgo di non sottoscriverlo per due ordini di ragioni. Ho sempre mantenuto fede al mio impegno seguendo l’insegnamento di un antico maestro, per il quale fare politica è un esercizio di libertà. Non si fa politica per vivere, ma per provare a migliorare la vita di chi ti concede di rappresentarlo, se si ha il consenso (tema, quello del consenso, piuttosto sottovalutato a certi tavoli). Una finalità diversa dal pur comprensibile ‘bisogna stare insieme per battere la destra’, che pare essere l’unica ragione di questa alleanza. Senza dimenticare che a firmare il documento è lo stesso Federico Pizzarotti che, pur di battere il Pd, è ricorso due volte ai voti della destra, nel 2012 e nel 2017. Ironia della sorte”.

“Il documento – aggiunge Lavagetto – esprime un sostanziale apprezzamento nei confronti del lavoro della Giunta, motivo per cui non potrei condividerlo nemmeno volendo. Non si tratta di posizioni pregiudiziali ma di una valutazione dei fatti, dopo esserci confrontati – insieme agli altri consiglieri di minoranza – con la maggioranza in Consiglio comunale per quattro anni di opposizione: ragionata ma comunque opposizione. E non basta dire che un progetto è nuovo per cancellare la storia. Stiamo parlando di un documento che oggi definisce ‘importanti’ le proposte che abbiamo avanzato in questi anni. Grazie per l’apprezzamento, peccato solo che raramente la Giunta Pizzarotti le abbia approvate e che nel caso, comunque, siano state attuate con grande fatica”. (Parma, 24/10/2021)
Luigi Boschi