Home Argomenti Armi Guerre e Terrorismo La Cia accusa il Principe saudita Muhammad bin Salman di aver approvato...

La Cia accusa il Principe saudita Muhammad bin Salman di aver approvato l’omicidio Khashoggi

60
0
Link
principe ereditario dell’Arabia Saudita Muhammad bin Salman
principe ereditario dell’Arabia Saudita Muhammad bin Salman

Giuseppina Perlasca

A due anni  dl  brutale omicidio del giornalista Jamal Khashoggi nell’ottobre 2018 al consolato saudita d’Istanbul, l’Ufficio del direttore dell’agenzia d’intelligence ha finalmente rilasciato al pubblico il suo rapporto ufficiale sulla sua uccisione, che si basa principalmente sulla precedente indagine della CIA.

Come ci si aspettava, va dritto al vertice delle  responsabilità: “Valutiamo che il abbia approvato un’operazione a Istanbul, in Turchia, per catturare o uccidere il giornalista saudita Jamal Khashoggi“, viene affermato nel report di solo quattro pagine, quasi completamente leggibile.

“Riteniamo che il principe ereditario dell’Arabia Saudita Muhammad bin Salman abbia approvato un’operazione a Istanbul, in Turchia, per catturare o uccidere il giornalista saudita Jamal Khashoggi. Basiamo questa valutazione sul controllo del principe ereditario sul processo decisionale nel Regno dal 2017, il coinvolgimento diretto di un consigliere chiave e membri del dettaglio protettivo di Muhammad bin Salman nell’operazione, e il sostegno del principe ereditario all’uso di misure violente per mettere a tacere i dissidenti all’estero, incluso Khashoggi “. Una affermazione chiara di chi sia il responsabile

Inoltre, il rapporto dell’intelligence statunitense indica che tutti i dettagli sulla sicurezza che hanno eseguito l’assassinio sono strettamente associati alla Corte reale. Ma più in particolare almeno sette erano tra i dettagli della sicurezza personale di “élite” di MbS, mettendoli in comunicazione diretta con il principe ereditario e de facto sovrano del regno.

I dettagli del rapporto Intel:

“Il team comprendeva anche sette membri dell’élite di protezione personale di Muhammad bin Salman, nota come Rapid Intervention Force (RIF). Il RIF, un sottoinsieme della Guardia reale saudita, esiste per difendere il principe ereditario, risponde solo a lui e aveva partecipato direttamente a precedenti operazioni di soppressione dei dissidenti nel Regno e all’estero sotto la direzione del principe ereditario. Riteniamo che i membri del RIF non avrebbero partecipato all’operazione contro Khashoggi senza l’approvazione di Muhammad bin Salman “.

Una riga schiacciante in quanto sopra sottolinea che i membri del team RIF rispondono “solo a lui” e a nessun altro funzionario della sicurezza nel regno o nell’apparato di intelligence.

Inoltre, il rapporto, per lo più autore della CIA, cita come prova la loro conoscenza di operazioni precedentemente pianificate contro Khashoggi per violenza.

Come mai questo report è uscito ora? La presidenza Trump aveva dei rapporti molto positivi con i vertiti sauditi, mentre quella Biden ha notevolmente raffreddato questo aspetto, ad esempio cancellando i ribelli yemeniti dalla lista delle organizzazioni terroristici e rivedendo le forniture militari a Riad. A questo punto si rischia una guerra aperta fra la monarchia saudita e Washington. Una rottura che non si vedeva da decenni. Febbraio 26, 2021

Fonte Link: scenarieconomici.it