Home Produzioni LB Articoli LB Assemblea ANCI: presenti Mattarella e Draghi

Assemblea ANCI: presenti Mattarella e Draghi

315
0

L’ennesima dimostrazione che nel digitale le istituzioni arrivano con un ritardo di oltre 20 anni. Nel 1999 organizzai a PARMA “Digitalcity, the future online”[LINK]  e “Digitalcity la cybercommunity”[LINK]con la presenza dei più importanti studiosi del mondo. Disponibili a impegnarsi  nella nostra città per un progetto pubblico. Ma l’ignoranza della  classe dirigente e politica di quel tempo non partecipò e non volle impegnarsi. Si poteva costruire un importante centro di ricerca e sviluppo tecnologico con l’Università di Parma.
E ora i tirannosauri responsabili della deriva del Paese e della sua arretratezza nel digitale si vorrebbero presentare come i grandi innovatori per la rinascita. Solo ridicoli e patetici. LB 
 

Presente anche il presidente del Consiglio Mario Draghi


Presidente del Consiglio prof. Mario Draghi

La rinascita dell’Italia non può che partire dai sindaci che sono al centro della stagione di sfide che attende il Paese dopo il periodo buio della crisi pandemica.

È la certezza che farà da filo conduttore alla 38esima Assemblea nazionale dell’Anci che vedrà la partecipazione, per la settima volta durante il suo mandato, del Capo dello Stato Sergio Mattarella, martedì in apertura dei lavori; mentre nella giornata conclusiva, giovedì 11, interverranno il presidente della Camera Roberto Fico e quello del Consiglio Mario Draghi. 

Sergio Mattarella presidente della Repubblica Italiana

L’assemblea dell’Associazione, presentata oggi a Parma e intitolata Rinasce l’Italia, i Comuni al centro della nuova stagione, si svolgerà alla Fiera della città ducale dal 9 all’11 novembre, ospitando come al solito, parallelamente ai lavori istituzionali, anche AnciExpo, l’incontro di grandi nomi del mondo dell’imprenditoria, con oltre 100 stand in una superficie espositiva di circa sedicimila metri quadrati, con 8 sale collaterali per ospitare oltre 40 convegni a latere.

Si annuncia una presenza significativa di amministratori, con quasi duemila partecipanti già iscritti online, con quasi cento provenienti dall’Emilia Romagna. 

“Rinasce l’Italia non è solo la speranza di riprendere in mano il tempo della vita nel post pandemia, ma un imperativo che ci deve spingere ad agire in sintonia con il governo: abbiamo il dovere di tornare a crescere nelle città e nel Paese ridando certezze e sicurezza agli italiani attraverso lo strumento del Pnrr”, evidenzia il sindaco Federico Pizzarotti.

Che si dice “contento e orgoglioso che il messaggio parta forte e chiaro dalla mia città, da Parma dove, esattamente 120 anni fa, ha preso avvio l’esperienza associativa dell’Anci con il congresso fondativo dell’ottobre 1901”:

Per Pizzarotti, inoltre, “è molto importante che a 20 anni esatti dall’Assemblea del centenario, festeggiata proprio nella città ducale, Parma torni ricevere tutti i sindaci d’Italia: è un segno di grande rispetto e stima verso la città, che in questi anni ha fatto tanta strada e ha ottenuto importantissimi riconoscimenti nazionali e internazionali”.

“L’Emilia-Romagna è lieta e onorata di ospitare l’Assemblea nazionale dell’Anci – evidenzia da parte sua Luca Vecchi, sindaco di Reggio Emilia, da poco eletto presidente dell’Associazione regionale -. In una terra che ha nei Municipi uno degli assi portanti del suo protagonismo politico e civico sarà questa l’occasione per riflettere assieme sulla gestione seria e rigorosa compiuta nel periodo della pandemia di Covid 19, sui fondi del Pnrr come potente motore di sviluppo del Paese, sul ruolo dei Comuni nel futuro dell’Italia”.

Molto qualificata la presenza istituzionale ai lavori che si apriranno martedì 9 novembre alle 17 con la relazione del presidente dell’Anci Antonio Decaro.

Dal palco dell’Assemblea si alterneranno ben undici ministri: Mara Carfagna (Sud e Coesione territoriale), Luciana Lamorgese (Interno), Dario Franceschini (Cultura), Massimo Garavaglia (Turismo), Enrico Giovannini (Infrastrutture e Mobilità sostenibili), Mariastella Gelmini (Affari Regionali e Autonomie), Patrizio Bianchi (Istruzione), Elena Bonetti (Pari Opportunità e Famiglia); Renato Brunetta (Pubblica Amministrazione), Andrea Orlando (Lavoro e Politiche Sociali) e Roberto Speranza (Salute); con loro anche la sottosegretario al Ministero della Transizione Ecologica Vannia Gava. 

Il confronto e il dibattito tra sindaci (una cinquantina presenti come relatori), amministratori locali e rappresentanti di aziende ed istituzioni, ruoteranno intorno alle sei missioni su cui si snoderà il Piano nazionale di ripresa e resilienza: digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo; rivoluzione verde e transizione ecologica; infrastrutture per una mobilità sostenibile; istruzione e ricerca; inclusione e coesione. 04 NOVEMBRE 2021

PROGRAMMA PDF

Previous articleMario Draghi deve essere processato per istigazione alla violenza
Next articleFrancesca Donato, “Green pass sospeso all’Europarlamento”. Colpo di scena a Strasburgo