Home Produzioni LB Articoli LB PARMA: INCAPPUCCIATI ALLA GREPPIA

PARMA: INCAPPUCCIATI ALLA GREPPIA

211
0

Eccolo di nuovo…Parma Europa show…Una volta c’era Bracco Baldo…ricordate? Divenuto oggi, in versione provinciale, Elvio Baldo. Il media imbonitore locale, Adrasto, con piglio pubblicitario da bravo mercante televisivo presenta il suo riconfezionato circo urbano. La bancarella televisiva scenograficamente rinnovata presenta i prodotti di sempre. Una stagione da non perdere!!! Sostituito il latte con calce e cemento, rimpiazzati i Tonna e gli Ugolotti nel gran consiglio…vai che si riparte col “calcio in culo”, giostra maestra di vita. Venite, nuovo giro, nuovo regalo! E’ lui, il nostro sindaco, il primo ospite. Toh che strano! Dai Ubaldigno! Sei il migliore! E a veder la concorrenza c’è da star poco allegri! Corron tutti per lui destra e sinistra. E’ riuscito a metter tutti d’accordo. Se lo contendon i rappresentanti delle fazioni…Gestione degli appalti docet! Sa come funziona, lui, la macchina! Una vita (al servizio!) spesa in Comune con la sinistra, poi con la destra. Parma è una città coesa, omogenea, tutti d’accordo…a spartirsi la torta. Tutto il mondo è paese dice un luogo comune impestato dal virus mortale della rassegnazione. Il mattone parmense, pur senza merito architettonico, costa caro. Mancano case!…E’ vero, soprattutto a quelli che non ce l’hanno! Mancano centri per i giovani! Non senti come protestano? Ma non c’è avida speculazione di rendita, d’area e immobiliare! No! E’che cementifichiamo poco rispetto ad altre città! E’ vero bisognerebbe farne di più…Ci stanno così bene le persone dentro al cemento! Guarda come è riuscito bene quell’involucro umano di Carmassi: rimangono ben allineati, su più piani, sulla tangenziale per il ricambio d’aria continuo, possiamo anche moltiplicarlo! Sembra fatto apposta per loro…gli studenti! Una architettura…in linea(!) col nostro territorio! La “Città cantiere” piace e funziona…E poi è così conveniente all’Apparato!! Cosa dice l’azzimato esperto consigliere di Lunardi? Ce n’è da fare! Ma sì, se ne può fare…Di più, di più! Poi mancano ancora i sovrappassi, i sottopassi, ponti, tunnel, metropolitane, tranvie, funicolare…E una stazione di lancio spaziale? Si potrebbero mandare in orbita forme di grana e prosciutti visti gli attuali insuccessi terreni. Te lo immagini che mercato! Il pagamento è già assicurato dal paradiso fiscale col fondo del “buconero”, collegato con quello dell’ozono dalla via lattea…oggi conviene investire nella finanza creativa: qui abbiamo un centro studi con esperti di livello universale. Incriminato di turno Maurizio Chierici, il cui racconto sulle cose del Ducato e delle locali lobby affaristiche, riesce indigesto al conformismo benpensante! Un giornalista che non si documenta, che parla per sentito dire! Ha del risentimento! Ma perché non se ne sta in Avana a raccontar cose di laggiù, anziché parlar dei nostri affari…e dei nostri cappucci! E’abituato ai sombreros sudamericani! Fa confusione. Non si adatta al cambiamento di clima. Le nebbie padane son altra cosa… Qui non abbiamo bisogno di corrispondenti locali; abbiamo tutti sui nostri libri paga…li abbiamo in diversi formati! Diciamo noi cosa si deve dire, non è vero Adrasto? Abbiamo i nostri giornali, le nostre tv, i nostri funzionari fedeli, i nostri tribunali, le nostre fondazioni…Il bollito locale non ama il piccante, ma preferisce le salse dolci col ripieno…fa meglio al diabete e lo preferiscono i trigliceridi! Qui son fatti così, perché cambiar gusti? E’ anni che lavoriamo sull’omogeneizzazione cerebrale, ma ogni tanto qualcuno ci sfugge!! Come gli ictus! Quel giornalista che dice a tutti che siamo massoni, mentre invece la massoneria a Parma non c’è! E lui insiste…E’ come dire che in Sicilia c’è la Mafia!! Insomma ma si dicono queste cose? Che figure! E’ appena arrivata l’Authority. Cosa penseranno di noi in Europa! Faccian così fatica! Ci costano forme di grana e prosciutti e salami e culatelli tutte le volte che li incontriamo. Li alimentiamo tutti i giorni i nostri funzionari europei, come le oche per il patè. Loro non sono già pronti geneticamente come quelli che nascon qui, bisogna abituarli…ma sono preparati. Uno se ne è già andato, aveva il fegato in disordine. Forse abbiamo esagerato con le dosi. Era così bravo!! Faceva degli inchini carpiati appena ci vedeva! Aveva imparato così bene! Noi che siamo sempre lì con i nostri cabaret ripieni di colesterolo…le nostre delegazioni così premurose…sono il miglior punto vendita dei nostri prodotti sponsorizzati dal bianco Calabrese…si da un gran d’affare quell’uomo! Potremmo usare la sua faccia come marchio dei nostri prodotti. Ce ne vorrebbero di quei rappresentanti lì! Oltre al fisso Efsa è a percentuale sulle carni e i formaggi? Dopo tutte queste fatiche, adesso che iniziamo a portare a casa…lui, questo nostro corrispondente, a spander merda! Che rabbia! Che livore! Perché devono esserci persone che non la pensano come noi? Castro non glielo ha detto? Non si fa! Il contraddittorio è insalubre ai colesterolemici, provoca pericolosi sbalzi di pressione! Infarti! E lui lo sa! Certe confidenze a quello lì non le si dovevan fare!! Complici le estati in Berceto con il suo amico avvocato, ora morto, che sapeva tutto della città, di noi, anche per via della difesa nei nostri processi; chissà quali confidenze! Cosa gli avrà detto di noi! Se scrive le sue memorie…Non si potrebbe mandarlo corrispondente sulla luna quel Chierici…per i Russi…Ora con i Cinesi non dovrebbe costar molto il solo viaggio di andata! Don Luigi Ciotti: “La rabbia è l’ira dei giusti, è la collera dei poveri, è un sentimento umano; la rabbia è un diritto, è un atto d’amore”. Luigi Boschi

Previous articleI VOLTI DELLA INGIUSTIZIA, DELL’ILLEGALITA’ E DELLE NUOVE MAFIE
Next articleAMORE E MENZOGNA