Home Produzioni LB Articoli LB Politica, virtuosismo e open source

Politica, virtuosismo e open source

180
0

Appunti

  • Una classe dirigente e burocratica azimata, senza senso, barocca, ridicola, sorpassati buffoni; parrucconi in delirio da potere rappresentativo.
  • Una giustizia preda dei tecnicismi processuali in cui la verità è un complemento marginale.
  • Regole prodotte e gestite da caste, affarismi, interessi.
  • Il giornalismo dei fatti non deve essere imbavagliato, né usato come giustizialismo;
  • Un popolo non può sempre prestarsi a eleggere (si fa per dire!) queste pseudodemokrazie;
  • Il cambiamento politico è radicale e non passa per il consenso, ma per il virtuosismo di vita personale; la bellezza e l’etica non hanno regole, ma coscienze;
  • La politica e le Istituzioni divengono open source, un wikipediacontent.
    (Parma, 18/05/2008)

    Luigi Boschi
Previous articleNOBEL CAPECCHI: NO STOP ALLA RICERCA, ATTENTI ALLE HIMERE
Next articleIl walzer stonato delle poltrone delle Fondazioni Lirico Sinfoniche