Home Dossier 2013 Bicentenario Verdiano “Il volto dell’arte” A Colorno il ritratto fotografico da Giuseppe Verdi a...

“Il volto dell’arte” A Colorno il ritratto fotografico da Giuseppe Verdi a Andy Warhol

361
2

Albertina Soliani, cosa c’entra questa mostra e questo catalogo (ed.Skira 29 euro) con Verdi? ( ideazione e progetto di Luca Sommi). Che cosa ti hanno detto per mobilitare la tua attenzione politica? Dove è scritto il progetto di Sommi? Perché non è pubblicato? La verità è che è stato usato Verdi per scopi personali dei soliti noti con i fondi per il Bicentenario. E’ cosa grave!! Una operazione e un  catalogo inutile a cura dell’ex Assessore utile ai danni della collettività. Da Assessore gli fu sequestrato in tutte le librerie d’Italia il catalogo sempre edito da Skira della mostra “Novecento” La meraviglia infinita, perché il gallerista di Genova detentore dei diritti delle foto di Florance Henri gli ha fatto causa. E il catalogo è finito sotto sequestro. Ci dica il prof Quintavalle quando vuole fare un catalogo, dopo aver verificato di avere i diritti, che vediamo di pubblicarlo senza mostra (con grandi risparmi in allestimenti, assicurazioni, trasporti.) Interessante poi la prefazione di Giuseppe Romani ex assessore ora onorevole, noto cultore della materia, in attinenza con le celebrazioni verdiane.  
Sommi, quel che è stato pubblicato come opere dello CSAC, è un progetto che nulla a che vedere con Verdi, ma è funzionale solo a te e alla tua cerchia; Prof. Quintavalle mentre lei raccoglieva materiale senza diritti di riproduzione e restaurava Paradigna con fondi pubblici (Borghi, o chi per lei, potrebbe dirci quanto ci è costata l’opera di Quintavalle?); Google negli stessi anni ha mappato il mondo, visibile online quotidianamente. E Wikipedia ha costruito la più importante enciclopedia mondiale a partecipazione diffusa. Riesce a percepire la differenza? Si rende conto del patrimonio pubblico culturale prodotto da loro e da lei?

Già nell’antichità greca, Platone sosteneva che “la musica fa bene al cuore e all’anima”; in tempi più recenti il grande filosofo tedesco Nietzsche scriveva che “la vita senza musica non è vita”. Lavorare per la musica significa perciò lavorare per l’educazione delle persone, significa migliorare la qualità della vita degli individui, aumentandone la crescita umana e spirituale. Parma, città della musica, riesce a smentire tutto questo. (13/07/2014) LB  


“Il volto dell’arte” A Colorno il ritratto fotografico da Giuseppe Verdi a Andy Warhol

Da Sabato 29 Marzo a Lunedì 2 Giugno 2014 Reggia di Colorno. Orari: Da Martedì a Venerdì dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 18; Sabato e Domenica dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 15 alle 19. Chiuso il lunedì non festivo

 “Il volto dell’arte”
A Colorno il ritratto fotografico da Giuseppe Verdi a Andy Warhol

Il Comune di Colorno con la Provincia di Parma, e in collaborazione con il Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma, promuovono un’importante esposizione dedicata al ritratto fotografico dal titolo “Il volto dell’arte – Il ritratto fotografico da Giuseppe Verdi a Andy Warhol”.

La mostra, realizzata con il contributo straordinario ex legge 206 del 2012” Presidenza del Consiglio dei Ministri dal Comitato promotore per le celebrazioni del bicentenario verdiano, e con l’organizzazione generale di Antea, si terrà nelle sale della Reggia di Colorno e inaugurerà il prossimo 29 marzo fino al 2 giugno. 

Una mostra curata e ideata da Gloria Bianchino eLuca Sommi.

Catalogo: Skira

LA MOSTRA

Giuseppe Verdi è, da più parti, riconosciuto non solo come uno dei più grandi compositori di sempre, ma anche un vero e proprio uomo simbolo del suo secolo, l’Ottocento. L’immagine del suo volto – da tempo entrata nell’immaginario collettivo – sembra infatti raccontare tutte le vicende storiche di un secolo che lui vivrà da protagonista assoluto e che, appunto, la sua figura segnerà non solo sotto il profilo musicale.

La sua morte, avvenuta il 27 gennaio 1901, sancisce un ideale passaggio di consegne tra due culture profondamente diverse: quella ottocentesca e il Novecento, con le avanguardie che, nel giro di pochi anni, cambieranno profondamente il modo di intendere la vita e l’arte.

Questa mostra, curata e ideata da Gloria Bianchino e Luca Sommi, si prefigge di sviluppare una moderna e attenta riflessione sul ritratto fotografico dell’artista partendo proprio dal valore iconografico di Giuseppe Verdi, fino ad arrivare ai giorni nostri. Una mostra che, in estrema sintesi, ambisce a raccontare, attraverso i ritratti di alcuni grandi fotografi italiani presenti della collezione dello Csac, chi sono stati i protagonisti del panorama culturale del nostro Paese nel Novecento, idealmente eredi di una lunga tradizione che vede nel Cigno di Busseto il suo vertice assoluto.

Da una sezione iniziale dedicata a Giuseppe Verdi, con alcuni rarissimi ritratti e con le riviste che ne hanno documentato i funerali, la mostra si sviluppa su diverse sezioni di grandi fotografi italiani come Aurelio Amendola, Carlo Gajani, Uliano Lucas, Libero Tosi che hanno, tutti, ritratto alcuni dei più grandi personaggi della cultura Novecentesca. Oltre 120 ritratti fotografici da Italo Calvino a Umberto Eco, da Piero Manzoni a Andy Warhol, e poi Pier Paolo Pasolini, Alberto Moravia, Eugenio Montale, Alda Merini, Michelangelo Antonioni, Mario Soldati, Renato Guttuso, Mario Schifano, Igor Mitoraj, Jannis Kounellis. Luigi Ontani, Claudio Parmiggiani, Gilberto Zorio, Giovannino Guareschi, Attilio Bertolucci e tantissimi altri.

Nel periodo di apertura della mostra saranno organizzati concerti e incontri dedicati al genio di Giuseppe Verdi e al mondo culturale italiano del Novecento.

Orari:

Da Martedì a Venerdì dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 18; Sabato e Domenica dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 15 alle 19. Chiuso il lunedì 

Costo: 

Biglietto intero € 4.50; Biglietto ridotto € 3.50; Biglietto gratuito Bambini fino a 6 anni, portatori di handicap con accompagnatore, 1 accompagnatore per ogni gruppo organizzato, 2 insegnanti ogni 15 alunni in visita d’istruzione, giornalisti muniti di tesserino in corso di validità; cittadini colornesi presentando documento d’identità.

Fonte Link: http://www.turismo.comune.colorno.pr.it/page.asp?IDCategoria=2854&IDSezione=24623&ID=510881