Home Produzioni LB Articoli LB La prospettiva cieca di Antonio Nouvenne

La prospettiva cieca di Antonio Nouvenne

103
0

La prospettiva cieca di Nouvenne
Una intervista inquietante e di poche idee quella del Consigliere Comunale di maggioranza Antonio Nouvenne capogruppo di “Prospettiva”. (pag.15 del 30/12/2023 sulla Gazzetta di Parma. Doc. PDF). Dalle risposte sembrerebbe una prospettiva dallo specchietto retrovisore. Una specie di ignoranza d’anticipo su ogni tema trattato. Eletto nella lista Guerra, si pongono, dice il medico, come “mediatori non ideologici”, ossia il niente del nulla… e cade nella retorica “per il bene della città”. Ma ne siamo sicuri che questa Maggioranza lavori per il bene della città? Ci porti qualche fatto reale, non parole vuote come il suo sindaco Guerra molto spesso ne ha dato ampia dimostrazione. Qualcuno, poi, secondo lei, vorrebbe forse il male della città? Per come avviene il dibattito politico penso proprio di sì. Molto maggiori gli interessi personali che per il bene comune.  Ma dov’è tutto questo bene? Forse lo vede solo lei. Nell’intervista non compare. 
Aeroporto un episodio doloroso, una divisione all’interno della maggioranza: “il no ai cargo e all’allungamento della pista a 3 km” nonostante la nostra mediazione.
 Il nuovo stadio Tardini “si sono sempre dichiarati favorevoli a lasciarlo dov’è”. per la felicità degli abitanti  del quartiere Cittadella, Delle 8241 firme raccolte nella petizione popolare contro questo progetto, lei, per il bene della città, ovviamente, non le ha mai prese in considerazione. 
il Ponte Nord auspica un accordo definitivo. Di fatto è inutilizzabile per uffici, sedi museali, forse adatto per nights come già fu usato, tirato a lucido per una sera (a costi proibitivi a carico dei cittadini), in cui hanno organizzato una cena esclusiva. (insomma un ponte tutto per loro). Di cosa farne, deve ammettere, è un grosso problema! Inutile farne oggetto di propaganda elettorale. Provi sentire qualche agronomo per realizzare una serra per piantagioni esotiche.  
Sul teatro delle culture popolari (o dei dialetti), insieme al parco Vero Pellegrini di viale Mentana lasciato volutamente marcire rientra, forse, nel bene della città? Qual’è la vostra prospettiva?
Capitale europea dei giovani
per l’anno 2027
a questo progetto ci tengono molto, dice. In cosa si concretizzerà? Di cosa vorrebbero fare, quali progetti presentare non è spiegato. Rientra nella felicità Europea. Ce lo dice la UE! Quindi solo promesse e intenzioni per illudere i cittadini perché la parola “capitale” presenta ancora un certa illusione e sensibilizza i cuori elettorali (abbiamo già avuto “parma capitale della musica”, derisi da Franco Zeffirelli sul Corriere della sera-LINK- e chiusa miseramente) [LINK parmamusicflop];
Sull’interconnessione avete sparato balle a manetta: l’interconnessione è un opera per la  “manutenzione e sicurezza” di Trenitalia per tutta la linea TAV non per portare i parmigiani alla stazione Mediopadana di Reggio Emilia [LINK
Sul sociale (A Parma crescono i nuovi poveri, le famiglie in povertà assoluta sono quasi 2 milioni; Caritas e mensa Padre Lino sono al massimo di fruitori) quali le vostre proposte?
Sulla Educazione formativa nei vari gradi?
Quali sono le vostre “prospettive”? E Sulle nuove tecnologie energetiche; sull’intelligenza artificiale? Sulla truffa della moneta a debito? Niente… Assenti in “Prospettiva”… Ma “La città ha bisogno di risposte” dice Nouvenne…allora restiamo in attesa, Consigliere, delle vostre prossime mediazioni in prospettiva. Immagino ci sorprenderete! Nouvenne mi ricorda la parabola di Gesù che disse ai suoi discepoli: “Può forse un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno tutti e due in un fosso?” (31/12/2023)
Luigi Boschi