Home Produzioni LB Articoli LB La scemenza dello stratega di guerra Marco Travaglio

La scemenza dello stratega di guerra Marco Travaglio

479
0

La scemenza dello stratega di guerra Marco Travaglio

Travaglio sulla guerra in Ucraina pare essere sclerato. Il titolo del suo libro: “Scemi di guerra” è la sua caratura etica. Un’offesa a tutto il popolo Ucraino e a tutti i morti in questa tragica guerra. Sarebbe come se scrivesse “Quegli scemi dei partigiani italiani” che si ribellarono ai nazisti. Un testo che non comprerò mai, insulso dalla copertina, alla sua campagna di propaganda. Libro che promuove, infatti, in tutte le trasmissioni tv possibili. Con dei sermoni preconfezionati vomitevoli.  Addirittura critica insistentemente gli USA perché Biden avrebbe detto di non accettare la tregua proposta dalla Cina (di cui ancora non si sa nulla). Ma condivido con Biden. Travaglio sembra  oltre che un pessimo attore teatrale che sciorina compiaciuto i suoi scritti, non per verità, ma per vanità, anche un ingenuo stratega di guerra. Certamente, concedere la tregua, come vorrebbe il Travaglio pensiero, consentirebbe alle truppe di Putin di riorganizzarsi come da tempo si lamentano anche i suoi mercenari della Wagner che mancano munizioni, armi, viveri, attrezzature.
Il nemico russo deve ritirare tutte le sue truppe di guerra. La tregua è funzionale solo a Putin, non certo a Zelensky.  

Caron dimonio Travaglio

Non è la tregua, Travaglio, che serve, ma il ritiro delle truppe russe dai territori ucraini occupati e devastati, preliminare necessario, dirimente, per iniziare una vera trattativa seria di pace duratura. Al ritiro delle truppe dalla Ucraina, si potrebbe concedere la sospensione delle sanzioni alla Russia. E quindi procedere sulla trattativa di Pace, coinvolgendo, USA, Cina, Vaticano, Inghilterra, Israele, UE. Senza il ritiro delle truppe russe dall’Ucraina non è possibile iniziare alcuna trattativa di pace vera e duratura. Non può esserci pace senza giustizia. E Putin non è nel giusto. L’Ucraina si sta difendendo da una invasione criminale voluta da un vero criminale assassino come ha dimostrato in tutta la sua vita. Guardi Travaglio i video di Roberto Saviano non solo i suoi appunti. Li conosce benissimo e penso li avrà citati nel suo libro. 
Zelensky è riuscito a organizzare attorno all’Ucraina i Paesi alleati dell’Occidente (cosa non facile, anche per la improvvida dipendenza dal gas russo) che si sono coalizzati come è successo all’Italia nella seconda guerra mondiale: senza gli alleati Americani non avremmo cacciato i Nazisti dall’Italia. E le regole di guerra, dallo sbarco in Sicilia e a Dover lo organizzarono gli Americani non gli italiani, né i Francesi o gli Inglesi. E le strategie di combattimento per ricacciare i tedeschi le definirono loro non i giornalisti, né le popolazioni, che si aggregarono, invece, allo sbarco degli alleati. Come fanno tutte le popolazioni ucraine che non desiderano ricadere sotto il dominio dei russi, ma vorrebbero se ne andassero il più presto possibile per autodeterminarsi e ricostruire le loro città, riavere i loro bambini deportati in Russia dal ladro di bambini, su cui pende il mandato di arresto internazionale della Corte penale dell’Aja [LINK].  E’ ancora vivo l’Holomodor voluto da Stalin (1932-1933) [LINK].  Da cui il film “Raccolto amaro” (20017).

Bernard Maris (Tolosa, 23 settembre 1946 – Parigi, 7 gennaio 2015) è stato un economista e giornalista francese, consigliere della Banca di Francia.

Eppure ci sarebbero temi su cui potrebbe intervenire il noto anchorman, sempre presente sugli schermi Tv con la sua propaganda personale, direttore de “Il Fatto”, come la moneta a debito emessa a costo zero dalle Banche Centrali e prestata al valore nominale gravata da interessi; sulla truffa del debito pubblico, la possibilità di adottare la moneta parallela, ma evita di farlo! Contro il sistema degli usurai non scrive un rigo! Nemmeno sulla morte dell’economista, giornalista  Bernard Maris: consigliere della Banca di Francia. Guarda caso, poco tempo prima aveva dichiarato pubblicamente sulla emissione dal nulla della moneta delle Banche Centrali (video segue l’articolo) Più comodo dar spazio a Orsini.
Mai scritto sulla vergognosa sperimentazione umana dei vaccini contro il covid, inoculata a milioni di cittadini con le conseguenze negative di cui si iniziano a vedere i drammi umani; sulle difese immunitarie mutate con il vaccino a Mrna.  Sulla pratica della “Vigile attesa del Ministro Speranza”; non concepibile per lui la riassunzione dei medici non vaccinati. Sulle morti colpevoli di Bergamo. Sul business dei vaccini Travaglio è stato zitto, si è schierato contro i non vaccinati, e ha dato spazio a tutti i possibili virologi, senza dar voce ai medici che proponevano cure  domiciliari alternative al vaccino, che si sono dimostrate molto più efficaci e che non ha fatto morti. E’ questa la misura del suo giornalismo obiettivo che lo porta a scrivere e pubblicare lo sconcertante libro “scemi di guerra” solo per logiche di marketing e di odio contro gli USA. Forse meriterebbe un periodo da tirocinante nei giornali russi di Putin in cui vige la “vera stampa libera”, insieme a Salvini a sostenere “Russia unita”. Assurdo, vero! Ma come assurdo è il titolo del suo libro e le sue perorazioni russofone e anti Nato. Certo in Italia, purtroppo, sono molti, troppi i putiani, anche tra i suoi amici e colleghi, non sempre inconsapevoli.
Siamo di fronte a una guerra in cui se l’Ucraina dovesse soccombere significherebbe la sconfitta degli Stati democratici e la vittoria delle dittature. Travaglio, è in gioco il nostro futuro democratico. Questa guerra siamo costretti a vincerla, darla vinta a Putin significherebbe cadere in un oscuro futuro. E Zelensky non può cedere i territori occupati, significherebbe la scomparsa dello  Stato  Ucraino; se Putin, infatti, ritira le sue truppe finisce la guerra; se non sosteniamo Zelinsky, finisce l’Ucraina e la UE. La Cina come mediatore di pace, non è credibile, è un ossimoro. (Parma, 20 marzo 2023; aggiornato il 21 marzo)

Luigi Boschi