Home Produzioni LB Articoli LB L’ultimo walzer di Draghi con gli italiani

L’ultimo walzer di Draghi con gli italiani

535
0
il Gattopardo: il Principe di Salina (Burt Lancaster) nell'ultimo ballo con Donna Bastiana (Claudia Cardinale)
il Gattopardo: il Principe di Salina (Burt Lancaster) nell’ultimo ballo con Donna Bastiana (Claudia Cardinale)

L’ultimo walzer di Draghi con gli italiani (durerà sette anni)

Ci hanno portato la befana quei “bravi”che ci governano. E’ proprio quel che ci voleva! Ora possiamo stare tranquilli. Italiani trattati come disertori: ci voleva Draghi, con il consenso di Mattarella. Due anni di pandemia senza adeguati interventi sulla sanità, nella scuola (ancora senza sistemi di sanificazione delle aule), da troppi anni soggetti a tagli lineari. E che dire nei trasporti pubblici, il nulla! Eppure, per il governo dei “migliori” la responsabilità è tutta di quella minoranza pensante che non si vaccina.
Che cosa è la morte di fronte a questa miseria in cui hanno ridotto l’Italia e gli italiani? E’ l’era degli sciacalli, delle iene, non rimarrà nulla, solo miseria. Che dice superMario di scendere, una buona volta, dal Britannia! Ma la vanità di Draghi supera la sua miseria. Il sonno da distrazione di massa è ciò che gli italiani vogliono, con grande disponibilità di tutti i mainstream; ed essi odieranno sempre chi li vorrà svegliare dall’oppio catodico. Disposti, ormai, a iniettarsi di tutto (oltre l’80% è vaccinato senza vera consapevolezza, senza fornire una completa informazione da cui ottenere il consenso informato).  Vogliono solo il gran ballo nel buio dell’anima. Il mainstream con tutti i loro giornalisti a fare propaganda continuativa al posto di una corretta informazione in cui gli scienziati dissenzienti (il premio Nobel Luc Montagnier e Joseph Tritto microchirurgo, esperto di biotecnologie e nanonotecnologie nonché presidente della Wabt -World Academy of Biomedical Sciences and Technologies-) sono emarginati, denigrati e totalmente silenziati. Viene trasmessa solo la voce dei propagandisti di bigpharma. Tutto orientato verso una Sanità che è fortemente motivata a fare risultare vincente la scelta vaccinale e perdente quella non vaccinale, la medicina preventiva e predittiva o della cura. La dittatura sanitaria di Draghi è come quella del Tagikistan. Al posto delle armi da fuoco ha usato idranti e lacrimogeni ad altezza d’uomo contro la pacifica protesta dei portuali di Trieste[LINK]; e ora il potere autocratico usa armi biotecnologiche.  
E chi governa, abile manipolatore, e avido di vanità, non ci dice la verità né sull’origine del virus, né sul vaccino. [video Luc Montagnier]; [video di Joseph Tritto]. Ma obbligano attraverso il greenpass, poi il supergreenpass,  ora all’obbligo per gli over 50 anni [LINK],  un vero raggiro da mascalzoni per renderci la vita impossibile e costringerci a farci iniettare lo pseudo vaccino a ripetizione, visto che perde la sua capacità di immunizzare dopo circa 4/5 mesi. 
Devo fare i complimenti agli africani che hanno trovato una loro cura tutta naturale [LINK].
E’ l’ultimo walzer di Draghi con gli italiani e lo vorrà condurre fino in fondo. Non può deludere i suoi azionisti! Se non andrà al Colle, sarà la sua fine politica. Potrà sempre ricevere nomine nelle organizzazioni internazionali governate dai suoi azionisti. Non resterà certo disoccupato un così loro valente servitore. E il dopo Draghi per l’Italia comporterà lacrime e sangue come accade dopo ogni dittatura o autocrazia.
Ci ha resi dei soccombenti senza alcun diritto, né abilità di responsabile consapevolezza individuale; calpestata la Costituzione e i trattati internazionali sulla inviolabilità del genoma umano. “Il genoma umano nel suo stato naturale non può dar luogo a profitto. La ricerca può essere effettuata solo dopo una analisi rigorosa e preliminare dei rischi e dei vantaggi potenziali collegati e in conformità a ogni altra prescrizione prevista dalla legislazione nazionale”… Deve essere raccolto il consenso preliminare, libero e informato dell’interessato”.

Ora per andare al lavoro occorre essere vaccinati da questo pseudovaccino che non immunizza e perde del 50% il suo potenziale, dopo solo 4/5 mesi. Molti vaccinati con 2/3 dosi si sono pure contagiati. Numerosi e gravi sono stati gli effetti collaterali indesiderati. I vari greenpass sono stati solo una operazione economica, non sanitaria, una mascalzonata per indurre le persone a vaccinarsi. (così come recita la nostra Costituzione, art.1 modifica Draghi:“la Repubblica italiana è fondata non più sul lavoro, ma sulla vaccinazione”). E’ solo un gran business per le case farmaceutiche. Il mondo intero sempre in vaccinazione continua ripetitiva. Un siero a mRNA i cui effetti a lunga scadenza non sono noti, e in cui è stato inserito un pezzo di HIV (Montagner).

Un mondo di proprietà di gruppi economico finanziari che possiedono la moneta circolante (creata dal nulla a costo zero) e sono più potenti degli Stati. Governano tutti i laboratori di ricerca biotecnologica P4 sotto il controllo militare, con la copertura dell’OMS e della Fao.
Ma Draghi, lei ha posto il suo compiacimento nel popolo italiano? Lei sa quello che fa al popolo di Dio?
Lei è consapevole che sta obbligando ad avvelenare la gente con un siero per un virus realizzato in un laboratorio finanziato anche dai suoi amici della finanza internazionale? Il covid è come una delle dieci piaghe d’Egitto (acqua mutata in sangue, rane, zanzare, mosche velenose, mortalità del bestiame, ulcerazioni, grandine, locuste, tenebre, morte dei primogeniti), causato dalla società dissociata dalla natura, governata dal vitello d’oro, di cui lei è un decano rappresentante. Ma Dio proteggerà il suo popolo, anche da lei vilmente afflitto. Riusciremo a fuggire sia dal faraone, sia dall’angelo della morte. Draghi si rilegga attentamente le pagine del Vangelo sul battesimo di Cristo, prima di infliggere in modo vessatorio pene e sacrifici alla vita degli italiani. (Parma, 07/01/2022, aggiornato il 9/01/22)

Luigi Boschi

Previous articleSecrets to a Effective Marriage
Next articleFarmacopea africana e cure anti-Covid. L’Africa potrebbe incrinare Big Pharma