Home Architettura Urbanistica Design Quando nel 2011 era solo uno scheletro di ferro e cemento in...

Quando nel 2011 era solo uno scheletro di ferro e cemento in un prato a nord di Parma vicino all’inceneritore

101
0
Link

[bg|album/centrocommerciale2]

Foto scattate nel 2011 
e ci si chiedeva quale ne sarebbe stato l’uso? Scrivevo  “Sarebbe utile capire chi era interessato ad acquistare i terreni SPIP a prezzi fuori mercato. E qui ci sono mezze verità! Come mai il Comune ha favorito operazioni simili alla SPIP con Cesi, Edildomus e Scac? Interessante quell’enorme centro commerciale (progetto architetto Pietro Zanlari per le cooperative CESI di Imola) di cui si può ammirare da tempo solo lo scheletro vicino all’inceneritore. Un pensiero lungimirante come sviluppo urbanistico. Quale la contropartita? Perché così come è non ha logica di impresa.
Potremmo inoltre avere dalla Amministrazione, non certo da Calestani, una visione urbanistica e insediativa di tutta quella zona della città che non ci pare molto pensata se non per fare solo affari?”

Così come le Amministrazioni gestiscono il suolo e le aree, allo stesso modo gestiscono il patrimonio culturale pubblico! Il San Paolo con il Correggio che marcisce, l’Ospedale vecchio del 1200 in decomposizione, Il Palazzo del Governatore ristrutturato e inutilizzato, messo a bando per essere privatizzato.  

Articoli correlati