Home Blog Page 3237

Profilo del Fondatore del giornale online

0

il marchio Boschi Luigi e Figli (depositato a livello europeo) è stato realizzato nel 1926 da Erberto Carboni; ora marchio della testata online

Questo giornale online è dedicato a mia madre, a mio padre, a mio cugino Paolo.
Mio padre mi ha lasciato in eredità l'impegno nel fare, nel lavoro; mia madre il dono dell'amore e mi ha insegnato, senza voler prevalere su nessuno, la via della grazia, della mitezza, della coerenza; mio cugino Paolo la volontà antesignana di riuscire in imprese internazionali. Tutti loro mi hanno insegnato a rimanere sempre nel giusto e nella ricerca della verità. E' a loro che si ispira questo giornale online.
Il marchio Boschi Luigi &Figli è un marchio di famiglia che porta il nome di mio bisnonno, depositato a livello comunitario, è stato disegnato da Erberto Carboni nel 1926. Dall'industria alimentare all'editoria web segue la famiglia. LB

Sezione in allestimento

0
Sezione in allestimento. Si prega di pazientare...

IN REGIA

3










LuigiBoschi

Ivrea - Febbraio 2009 - T-ART

LB










Luigi Boschi

inizio YouTube - Agosto 2007


girando l'Occhio del cinema














Luigi Boschi
girando L'Occhio del cinema - Agosto 2004

VIA EMILIA A FERRAGOSTO

0

Premio Silone 2004/2005 sezione narrativa inedita. Secondo classificato .

Mi ero addormentato profondamente, favorito dal ritmare del treno. Ah! Ah! Ah! Improvvisamente alcune ripetute risate…schiamazzi allegri…non distinguevo in che lingua… Dischiudo gli occhi cercando la provenienza, facendomi guidare dalle voci…poi le ho viste. Una aveva il viso vellutato...di nero, con un fazzoletto di carta infilato nell’orecchio che ogni tanto le cadeva...poi lei lo rimetteva, giocava…l’altra si truccava: ridevano!! Incontro lo sguardo della ragazza dalla pelle nera vellutata. I loro schiamazzi sono ora di toni ridotti…parlano soffusamente. “Parma, stazione di Parma!” annuncia l’altoparlante. Non vorrei fermarmi… Da un po’ di tempo mi sento inutile in questa città di burattini e burattinai, di cui Ferrari col suo teatro ne propone da sempre una ironica e sarcastica parodia.

“Se ne vada da qui, non si fermi a Parma!..." -mi disse Ubaldo, quello della quarantasettesima-. Aveva ragione…Si paga caro esser se stessi! Hai voglia di presentar progetti! Un ristretto gruppo dirigente, teste di legno, emargina se non sei dei loro, mette al confino se non ti presti, pone le condizioni per il degrado individuale, per il privilegio, per la corruzione; un impoverimento etico collettivo mascherato dalla attuale borghesia godereccia, al colesterolo, col paraocchi, senza visione, incapace di sostenere, contraddicendo la sua identità storica, le nuove energie creative, l’impegno politico, i percorsi innovatori e riformatori, dedita invece alla speculazione, ai propri interessi, ai propri affari, che si cela la verità per il privilegio personale e si autoconvince di vivere in una città libera. Che ne è rimasto dei Bertolucci, Bertoli, Colombi Guidotti, Barilla, Gaibazzi, Mattioli, Micheli… Loro, le ragazze, scendono…io resto seduto, proseguo. “Sì vado da Giovanni…ma sì…mi prendo una pausa in corsa”.

VECCHIGIOVANI

0
Si è vecchi perché si è tornati giovani. La vecchiaia è la gioventù che ritorna. La spensieratezza con in più un po’di esperienza. Ma l’entusiasmo non cambia. E’ l’entusiasmo mentale che conta. Lo spirito che negli occhi si rivela. Ah! Non si fanno più calcoli, non si cerca un tornaconto, non si cerca di prevalere... Si ascolta, si dice quel che si pensa, il potere non ti entusiasma e non ti affascina, cerchi di dare con gioia te stesso, la tua esperienza. Cerchi di darti tutti i giorni un nuovo mondo. Non hai voglia di spiegare…vuoi solo capire… L’intuizione sostituisce il lento, faticoso, spesso inutile processo. Fuori dalla mediocrità dell’adulto, di quando stai in mezzo alle cose... degli omini che corrono agli ordini di qualcuno e seppelliscono la gioia di vivere!… Per cosa? Per l’illusione del potere e del denaro! Disposti a tutto, a sradicare gli alberi della bellezza, dell’etica, della giustizia, della solidarietà. Il paraocchi impedisce loro altre visioni.

RACCOLTA FONDI CONTRO IL CEMENTIFICIO DI “INSIEME PER LA QUALITA’ DELLA VITA”

0
L'associazione onlus "Insieme per la qualità della vita" promossa da Luigi Boschi e costituita da cittadini di Sorbolo per contrastare la realizazione del nuovo Cementificio, mecoledì 9 febbraio dalle 9 alle 12,30 e giovedì 10 febbraio dalle 14,30 fino alle 23, presso la casa civica di Sorbolo nell'ex stalla, raccoglierà i fondi necessari per attivare le iniziative legali proposte in assemblea a dicembre e precisamente: a)Esposto al TAR per inibire il rilascio dell'autorizzazione all'esercizio dell'attività (attualmente non ancora rilasciata dal Comune). Ciò impedirebbe la messa in funzione dell'impianto.

PENDOLARI CON L’AUTOBUS

0
Buonasera Luigi, ti invio la presente in quanto ti conosco come persona attenta , sensibile e quindi in grado di sopportare un mio piccolo sfogo. Dopo qualche anno in quel di Piacenza, a causa della chiusura dell'azienda in cui lavoravo mi ritrovo ora a fare la pendolare Noceto - Parma - Noceto usando per fare 15km lo stesso tempo che prima impiegavo per farne 60 con la sola auto. La nostra benemerita Tep, promotrice di campagne per un ambiente pulito dove ci invita a lasciare le auto nei parcheggi scambiatori o a casa etc. etc. non spiega come una semplice commessa possa tornare a casa dopo la chiusura dei negozi.

Baratta declina le accuse e mostra bilanci in attivo

0

La risposta della Fondazione Toscanini

(L'INFORMAZIONE) Il sovrintendente Gianni Baratta tiene ad approfondire gli aspetti relativi alla "sua" Toscanini, che (ancora citando l'articolo di Repubblica) " è diretta da Lorin Maazel (si parla per lui di un compenso di 750 milioni di euro per 15 concerti e di un'abitazione lussuosa in collina), riceve 3 milioni di euro l'anno cui vanno aggiunti quasi 2,4 milioni ricevuti dal Fus e presto sarà trasformata in Holding Musica".

Il caso PARMA. Pioggia di soldi sul Regio la musica diventa un affare

0

(Repubblica) MILANO - Mentre le Fondazioni liriche suonano il «Requiem» e protestano contro i tagli al Fondo Unico per lo Spettacolo (Fus) previsti in Finanziaria, a Parma si concentra una grande quantità di contributi pubblici: 6 milioni e 300 mila euro l' anno per le due istituzioni Fondazione «Parma Capitale della Musica» e Fondazione Toscanini. è circa la metà dei finanziamenti su cui conta la prestigiosa Santa Cecilia, e un terzo di quanto lo Stato dà alla totalità delle attività concertistiche italiane, dal Trentino alla Sicilia. La particolarità, a Parma, è che si tratta di denaro che non arriva dal Fus, ma dall' Arcus, la società dei ministeri ai Beni Culturali e ai Trasporti e Infrastrutture nata nel febbraio 2004 con la missione di destinare fondi (che comprendono anche una quota del 5% dei finanziamenti pubblici per le Grandi Opere), a progetti musicali, artistici e culturali. Non c' è dubbio: l' Arcus, che ha la completa discrezionalità delle scelte, ha valorizzato Parma, diventata in quattro e quattr' otto una realtà privilegiata, protetta e molto ricca, suscitando le reazioni delle altre istituzioni concertistiche italiane, che non escludono di organizzare una manifestazione proprio nella città emiliana, se il Fus non verrà reintegrato ai livelli del 2005.

PROBLEMA CASA A PARMA

0

-Intervento di Matteo Somacher

Un gruppo di giovani si è ritrovato in Piazza Garibaldi a Parma sotto al Municipio con musica, brindisi, filmati, foto testimonianza per protestare contro la situazione casa. Sfratti, occupazioni, interventi con la forza pubblica sono all'ordine del giorno in città. La cementificazione aumenta e così pure i senza tetto e i precari abitativi. 
Immobili tenuti vuoti, come quello recentemente occupato dal centro sociale Mariano Lupo a seguito dello sgombro forzato dai locali in viale Fratti in cui risiedevano da 30 anni.
Matteo Somacher portavoce del "Comitato Antirazzista" ci rilascia questa video testimonianza. 
Nota: di chi è il "bunker", così chiamato per la particolare struttura architettonica, recentemente sgombrato dalle forze dell'ordine? Finanziaria Tosinvest, controllata dagli Angelucci, una vera famiglia bipartisan romana, vicino a Massimo D'Alema, ma molto amica dei fratelli Fini. Una famiglia interessata al dialogo politico: Editori di Libero e del Riformista, in passato controllavano l'Unità. Ma guarda!! 
"I giovani di Parma dovrebbero rassegnarsi al fatto che non esistono luoghi di libera aggregazione, in questa città, dove non si debba per forza pagare per entrare: vuoi fare teatro, vedere un film con amici, scrivere una fanzine, sviluppare un progetto multimediale, o semplicemente ritrovarti con altri in luoghi dove coltivare le relazioni? Devi pagare!"
(durata: 10,48 min.)

vedi articolo: Prima casa per tutti

CARCERE A PARMA

0


-Intervento di
 Marisa Spora

Intervento di Marisa Spora, insegnante e assistente volontaria fino al 2004 presso il carcere di Parma, a "I LUNEDI' DI SANTA CRISTINA" promossi da Don Luciano Scaccaglia nell'incontro con Lilly Gruber.

"Vorrei informarvi e confermarvi che nell'ultimo mese e mezzo  del 2005, nel carcere di Parma, sono avvenuti tre suicidi, nel più completo silenzio della stampa locale"
PC sezione 1ª B CR (casa di reclusione)
BA sezione 1ªB CR (casa di reclusione)
TS sezione 2ªA CR (casa di reclusione)


Nel carcere di Parma composto da Casa di Reclusione, Casa Circondariale, 41 BIS, CDP (centro diagnostico terapeutico), attualmente sono presenti circa 600 detenuti con diverse esigenze, vista la tipologia di carcere, e con un organico di guardie carcerarie sottodimensionato. Risponde Lilly Gruber durante la sua conferenza (durata: 8,55 min.)

Parma, 15 dicembre 2005

Autore, regia, riprese e montaggio: Luigi Boschi
Postproduzione: Arcoiris
Produzione: Florance

 

 

SCUOLA PER MIGRANTI

0



-VIDEO  Incontro con Giancarlo Nico

Il maestro Nico racconta le difficoltà ancora presenti nel nostro paese, nella città di Parma, per una scuola di lingua italiana per migranti, aldilà del possesso dei documenti identificativi.
Significativa l'esperienza con la Caritas locale.


"La lingua come strumento per rendere le persone libere, capaci di relazione, di fare cittadinanza... ma sembra che ciò non interessi nessuno!". A Parma l'associazione "migrAzione", da anni, con successo, persegue questo obiettivo umanitario, utilizzando il metodo fonetico materno attraverso cui tutti possono imparare le basi della lingua italiana. Un racconto di esperienze, riflessioni, aneddoti.
(durata: lunghezza: 42,21 min.)

Parma, 15 dicembre 2005

Autore, regia, riprese e montaggio:
Luigi Boschi Postproduzione: Arcoiris
Produzione: Florance

SOMMI SGARBI

0
Franco Zeffirelli
Un’intervista di servizio promozionale al regio sovrintendente di Proczynski, Meli, palesemente concordata nei contenuti, intrisa di trasparente ignoranza giornalistica e pubblicità occulta, è andata in onda sull’”agorà” della TV parmense. Zeffirelli, non presente, fatto passare per un bizzarro, vecchio patetico… Due lauree e l’esame da giornalista per riuscire in tale impresa! Complimenti…Sommi!! Non si può certo parlar di buona fede! In terra di bolliti misti la cultura è servita così: stracotta. Chi di musica sa, vien tenuto in disparte o attivato saltuariamente con gettone da precariato: "accattatevillo" docet. A Parma si può: raccomandati assunti in redazioni (per non far eccezione al costume italiano), giornalisti che fanno uffici stampa, uffici stampa che fanno da giornalisti, giornalisti imbonitori che edulcorano i progetti del potere. E’ la commedia italiana all’opera! E l’Ordine professionale sta a guardare! Solo attento a gestire le iscrizioni economiche, le rendite di posizione e le finte rivendicazioni sindacali. Il conflitto professionale oltre che di interesse pervade il paese e si riproduce come la matriosca. Tutti zitti, omertosi per il timore dell’emarginazione e prestatori di servizio per la difesa del proprio particulare. Meli più che un sovrintendente è un piazzista in loco del magnate monegasco Proczynski che consapevole della compiacenza istituzionale due ne ha voluto, in terra di maiali confezionati, attenti ai suoi servigi artistici: Baratta da anni funzionale alla Regione con la Fondazione Toscanini e Meli neo acquisto della Fondazione Regio, in pectore al Sindaco, presidente dell’autocelebrata “Parma capitale della musica”…e che musica!

LEGALITA’ E QUESTIONE MORALE

0

Incontro con: Elio Veltri e Maurizio Chierici

video - prima parte (durata: 59,32 min.)
video - seconda parte (durata: 61,14 min.)


"Sappiamo che legalità e trasparenza dovrebbero
 essere solo un mezzo dell'azione politica e di governo, il cui fine è la soluzione dei problemi. Ma se l'illegalità è così diffusa da impedire il buon governo e la corretta amministrazione, se la trasparenza è così evanescenteda cancellare la certezza del diritto, allora legalità e trasparenza diventano obiettivi primari di un governo e cardini di un vero e proprio progetto civile per l'intera società."

Incontro organizzato da
"Girotondi di Parma".

Parma, 9 dicembre 2005

Autore, regia, riprese e montaggio: Luigi Boschi
Postproduzione: Arcoiris
Produzione: Florance

Prima Parte



Seconda Parte

 

IMMIGRAZIONE E CPT

0

-VIDEO:Intervento di Fabrizio Gatti

I CPT: UN MONDO SPESSO CELATO DA SCOPRIRE E DENUNCIARE

Intervento di Fabrizio Gatti a "I LUNEDI' DI SANTA CRISTINA" promossi da Don Luciano Scaccaglia.

"Ritengo che una vera democrazia abbia l'obbligo di essere trasparente in ogni suo ambito, anche per gli aspetti che riguardano l'immigrazione, l'accoglienza e l'espulsione degli immigrati. Sono in gioco diritti fondamentali, non solo per quanto riguarda gli stranieri, ma anche il diritto a essere informati che riguarda tutti i cittadini italiani. Un regolamento invece impedisce ai giornalisti, e spesso anche a avvocati e rappresentanti di organizzazioni umanitarie, la verifica delle condizioni nei centri di detenzione. Un articolo che viola palesemente l'articolo 21 della Costituzione Italiana e l'articolo 10 della Convenzione Europea per i diritti dell'uomo." Fabrizio Gatti 
(durata: 34,34 min)

Parma, 05 dicembre 2005

Autore, regia, riprese e montaggio: Luigi Boschi
Postproduzione: Arcoiris
Produzione: Florance