Home Radioweb TV InMusic REGIO E PAGANINI: MUSICA ITALIANA

REGIO E PAGANINI: MUSICA ITALIANA

158
0

PARMA – Per quasi tre mesi Parma diverrà privilegiato palcoscenico di uno straordinario programma di musica italiana: l’assessore alla Cultura Luca Sommi ha presentato presso la …già sala fumatori del Teatro Regio la serie di concerti che vedrà protagonisti nella nostra città artisti prestigiosi quali Biagio Antonacci Franco Battiato Massimo Ranieri Giovanni Allevi Paolo Conte Davide Van de Sfroos. I sei appuntamenti in calendario, ha spiegato l’assessore, << sono curati da Puzzle srl(Antonacci, Battiato) e da Arci Parma oltre che dal "Comitato Organizzatore Piero Ciampi"(i rimanenti) è contano sulla preziosa co-organizzazione proprio dell’assessorato alla Cultura del Comune di Parma>>. E a chi avanza obiezioni su un presunto…spendere troppo per le iniziative culturali si risponde chiarendo che << questo non corrisponde al vero. Non si spendono somme maggiori, semplicemente le si investe diversamente. In modo che queste risorse portino a comporre un programma di eventi tutti significativi>>.

Si tratta dunque di una proposta di eccellenza , ricca di nomi di primo piano in grado di rispondere ad ogni esigenza del pubblico: il tutto, in modo coerente rispetto alla grande tradizione musicale del nostro territorio.  Si inizia dunque lunedì 23 febbraio  con Biagio Antonacci; a seguire il concerto del 4 marzo con Massimo Ranieri. Il 2 marzo sarà la volta di Davide Van de Sfroos  mentre il 7 aprile toccherà all’attesissima esibizione di Franco Battiato. Si continuerà infine il 19 aprile, con Paolo Conte . L’ultima serata di questo ciclo all’insegna della musica di elevata qualità sarà quella con Giovanni Allevi fissata per il 4 maggio. Tutti i concerti si svolgeranno al Regio  tranne quello di Van de Sfroos previsto all’Auditorium Paganini. A testimoniare l’attesa suscitata da questa densa offerta musicale ,un dato: la prevendita per la serata con Antonacci ha registrato il tutto esaurito. Veronica Pallini

Previous articleVELTRONI, AVEVA RAGIONE LEOPARDI, SOLO INSULTI E DISPREZZO
Next articleINTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE MAURIZIO VESCOVI