Home Radioweb TV InMusic OSCAR ALLA CARRIERA PER MORRICONE

OSCAR ALLA CARRIERA PER MORRICONE

254
0

L’Oscar a Morricone
(Repubblica Tv)

www.enniomorriconelive.com

(Ansa) LOS ANGELES – Il compositore Ennio Morricone, noto per il suo lungo sodalizio con il regista Sergio Leone, riceverà il prossimo febbraio un Oscar alla carriera. Lo ha annunciato l’Accademia delle arti e delle scienze del cinema, che organizza la prestigiosa cerimonia.

  Morricone, 78 anni, nei 45 anni della sua carriera ha composto circa 400 colonne sonore e musiche di film e l’Accademia intende premiare "il suo contributo mangnifico e dai molteplici aspetti all’arte della musica da film".
Diventato celebre grazie alla musica di ‘Per un pugno di dollari’ di Sergio Leone, Morricone ha composto la colonna sonora di film quali ‘Il Bello il Brutto il Cattivo’, ‘C’era una volta in America, gli ‘Intoccabili’, ‘Cinema Paradiso’. Il compositore italiano ha avuto cinque nomination all’Oscar, senza mai ottenere l’ambita statuetta. La ‘notte degli Oscar’ 2007 si terrà a Hollywood il 25 febbraio prossimo. (18/12/2006)

 
INTERVISTA

(ANSA) ROMA – "Io non mi sono mai proposto nella vita: non ho mai chiamato un regista per lavorare con lui e non ho mai chiesto a qualcuno di farmi esibire in questo o in quel posto, tantomeno in America. La notizia dell’Oscar è stata una bella sorpresa. Non ci pensavo più…". Ennio Morricone è raggiante e orgoglioso per l’assegnazione del riconoscimento tanto sognato e già sfiorato cinque volte con altrettante candidature.

Raggiunto telefonicamente nella sua casa romana, il celebre compositore, si divide tra complimenti e interviste e racconta che la notizia dell’Oscar gli è arrivata a casa ieri sera: "Quando ho risposto al telefono e mi sono sentito dire ‘Buongiorno’ con accento inglese, mentre stavo andando a dormire, ho subito capito", racconta. A comunicargli dell’Oscar alla Carriera è stato Sid Ganis, presidente della Academy. Adesso Morricone è frastornato, solo in mattinata "ho ricevuto più di cinquanta telefonate", dice.

 "Sono attonito ma felice perché l’Oscar arriva mentre sono in piena attività professionale". "Ma è solo un caso", spiega, che l’ambita statuetta gli sia stata assegnata proprio nel momento in cui si prepara a debuttare negli Stati Uniti con due concerti-evento, in programma proprio a febbraio 2007, circa tre settimane prima della Notte degli Oscar che si terrà a Los Angeles il 25 febbraio. Per Morricone c’é grande attesa in America, il Paese che lo ha tanto corteggiato ma in cui il Maestro curiosamente non ha mai fatto concerti. Come mai? "Perché non me lo hanno chiesto", risponde con semplicità, anche se si fa fatica a credere che nessuno ci abbia mai pensato. Un produttore si favoleggia gli offrì persino una villa sulle colline di Beverly Hills per invitarlo a trasferirsi in America, ma lui rifiutò.

 "Quella villa – dice oggi non l’ho mai vista. Ma io ho sempre preferito tornare a Roma". E oggi più che mai a farsi rapire dall’America non ci pensa proprio. "Sto bene nella mia città", dice. Morricone è stato invitato dall’Onu a tenere nella sede dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 2 febbraio un concerto di beneficenza per dare il benvenuto al nuovo segretario generale Ban Ki-Moon, in carica dal 1 gennaio 2007. Per l’occasione eseguirà, insieme al repertorio delle sue principali composizioni di musica da film, anche il pezzo sinfonico corale ‘Voci dal silenzio’ da lui scritto dopo l’attentato alle Torri Gemelle dell’11 settembre 2001 e definito tempo fa "la partitura non cinematografica più importante che abbia mai ideato". Oggi quella partitura assume un significato ancora più ampio spiega -"contro tutte le stragi del mondo".

Per il concerto all’Onu il Maestro sarà accompagnato dall’Orchestra ‘Roma Sinfonietta’ e del Coro Polifonico ‘Canticorum Virtuosi’ di New York. "Sarà un concerto molto importante moralmente per me", aggiunge. Il giorno dopo, il 3 febbraio, Morricone terrà un altro concerto al Radio City Music Hall di New York. Qui dirigerà un’orchestra ed un coro composti da 200 elementi ed eseguirà i brani più significativi del suo repertorio tra cui alcune delle più note colonne sonore di film. "Mi sento onorato e fortunato di sostenere un evento così significativo in cui la grande musica di un Maestro come Ennio Morricone diventa linguaggio universale per un concerto di pace e solidarietà fra tutti i popoli della terra" spiega Gallotta ideatore ed organizzatore degli eventi in collaborazione con la Fondazione ‘Give Them A Hand’ di New York, la Missione Italiana alle Nazioni Unite, la Niaf (National Italian American Fondation) e l’Istituto Italiano di Cultura di New York, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Anche il Moma, Museum of Modern Art di New York, renderà omaggio a Morricone con una retrospettiva (in programma dal 1 al 5 febbraio) di alcuni tra i film più importanti per i quali il Maestro ha firmato le colonne sonore, tra cui ‘C’era una volta in Americà, ‘The Untouchables’, ‘La Battaglia di Algeri’, ‘C’era una volta il West’, ‘The Mission’, ‘Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto’. A febbraio uscirà anche un cd pubblicato in tutto il mondo dalla SonyBmg Italia, nel quale alcuni tra i più importanti artisti internazionali hanno reinterpretato le composizioni del Maestro, tra questi Bruce Springsteen, Metallica, Quincy Jones, Celine Dion, Yo-Yo Ma, Andrea Bocelli e Roger Waters.