Home Dossier Festival Verdi 2015 IL CORSARO AL FESTIVAL VERDI 2015

IL CORSARO AL FESTIVAL VERDI 2015

70
0
Link


Nell’allestimento creato da Lamberto Puggelli,

Diego Torre, Jessica Nuccio, Ivan Inverardi, Silvia Dalla Benetta

protagonisti dell’opera guidati da Francesco Ivan Ciampa

sul podio del Coro del Teatro Regio di Parma e della Filarmonica Arturo Toscanini

Teatro Regio di Parma

14, 20, 25, 31 ottobre 2015

Secondo titolo in programma al Festival Verdi 2015 al Teatro Regio di Parma, Il corsaro debutta martedì 14 ottobre (recite il 20, 25, 31 ottobre) nell’allestimento creato nel 2004 per il Festival Verdi da Lamberto Puggelli e ripreso da Grazia Pulvirenti Puggelli con le scene di Marco Capuana, i costumi di Vera Marzot, le luci di Andrea Borelli, gli assalti del maestro d’armi Renzo Musumeci Greco, originariamente coprodotto con il Teatro Carlo Felice di Genova. A dirigere l’opera, nell’edizione critica a cura di Elizabeth Hudson edita da The University of Chicago Press e Casa Ricordi Milano, Francesco Ivan Ciampa alla testa della Filarmonica Arturo Toscanini e del Coro del Teatro Regio di Parma, preparato da Martino Faggiani e Fabrizio Cassi, guida un cast di giovani e affermati interpreti: Silvia Dalla Benetta (Gulnara) e, per la prima volta in questo titolo, Diego Torre (Corrado), Jessica Nuccio (Medora), Ivan Inverardi (Seid), Matteo Mezzaro (Selimo), Luciano Leoni (Giovanni), Seung Hwa Paek (Un eunucouno schiavo).

Ultimato a Parigi nel febbraio 1848, quando la rivoluzione esplose nella capitale francese, Il corsaro su libretto di Francesco Maria Piave, è ispirato al poema The Corsair che aveva reso ancor più popolare il nome di Lord Byron, che con il protagonista del suo poema ha saputo incarnare gli ideali del romanticismo. Trattenuto in Francia, il compositore non poté assistere al debutto della sua nuova opera, avvenuta a Trieste nell’autunno dello stesso anno.

“Il corsaro è un’opera che sa di mare – spiegava nelle sue note di regia Lamberto Puggelli, scomparso nel 2013 e a cui è dedicata questa produzione. Fatto curioso, se si pensa a Giuseppe Verdi, un uomo così padano, così terragno, eppure in grado di farci avvertire la presenza del mare come se questo elemento occupasse la sua mente. Ma c’era qualcosa d’altro, qualcosa da contrapporre a questa piena di romanticismo. Così nello spettacolo ho cercato di dare conto di questo processo di semplificazione che tenesse a sua volta conto di quel sapore di mare. Ho scelto il partito di abolire le differenze più superficiali tra una scena e l’altra per ambientare tutta l’opera su una nave. Ma è una nave raffigurata in modo che possa rappresentare i due campi contrapposti. Sono i due colori, il rosso o il nero, a suggerire che ci troviamo sulla nave dei musulmani o su quella dei corsari: anche questo elemento cromatico così netto rientra nel discorso della semplificazione. Nel corso dell’opera, la scena si semplificherà sempre più e alla fine si rivelerà per quello che materialmente è:un palcoscenico vuoto.”

In occasione del Festival Verdi, è allestita nelle sale del Ridotto del Teatro Regio la mostra documentaria “Chi è là?…Otello?”, curata da Giuseppe Martini. Realizzata in collaborazione con la Casa della Musica e con l’Associazione Sostenitori del Teatro Regio di Parma, la mostra, raccoglie preziosi documenti, manifesti, articoli, immagini provenienti dall’Archivio Storico del Teatro Regio, dalla Sezione musicale della Biblioteca Palatina, dall’Emeroteca Comunale di Parma, dall’Archivio Storico Ricordi, dall’Archivio Storico Comunale di Parma. La visita della mostra rientra nell’ambito del percorso di visita del Teatro Regio, con apertura dal martedì al sabato, dalle ore 10.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 17.30.

In occasione della recita de Il corsaro di sabato 31 ottobre il Gran Caffè del Teatro sarà aperto al pubblico a partire dalle ore 18.30 per l’Aperitivo all’Opera: un’occasione per ritrovarsi e trascorrere in compagnia i momenti che precedono lo spettacolo.

Il Festival Verdi è realizzato grazie al contributo di Comune di Parma, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Main partner Cariparma Crédit Agricole. Major partner Fondazione Cariparma. Media partner Mediaset. In collaborazione con Comune di Busseto, con il sostegno di Reggio Parma Festival, Ascom Confcommercio Parma, Camera di Commercio di Parma, Fondazione Monte di Parma. Partner per gli eventi speciali Iren. Partner Barilla, Chiesi Farmaceutici, Opem, Dallara, Unione Parmense degli Industriali. Sponsor Parmalat, Mutti, Sicim, Buongiorno!, Antica Gelateria del Corso, S. Polo Lamiere, Morris, Carpenè Malvolti, Illa, Rolex e Camparini, Fidenza Village, Poliambulatorio Dalla Rosa Prati. Tour operator partner Parma incoming. Sponsor tecniciCarebo Auto Hub, IGP Decaux, Macrocoop, Milosped, Grafiche Step, APCOA, Gespar.

Il Teatro Regio di Parma ringrazia inoltre Luca Barilla e tutti gli imprenditori che hanno voluto personalmente sostenere il Festival Verdi 2015.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Regio di Parma tel. 0521 203999 [email protected]it www.teatroregioparma.it

 

Immagini disponibili su www.pinterest.com/regioparma

La Toscanini