Home Sokrates Bertolt Brecht DELL’ADULTERIO DELLA DONNA

DELL’ADULTERIO DELLA DONNA

64
0
Link

Fu chiesto a Me-ti se una donna che commette infedelta’ verso suo marito offende il buon costume. Egli disse: In un paese in cui l’uomo deve comprare tutto, la tazza di te’ e il letto e il libro e gli organi sessuali di una donna, non gli si puo’ impedire di pretendere per se’ cio’ che ha comprato. Se io ho affittato un appartamento in una casa, il padrone di casa puo’ ospitare in quell’appartamento anche altre persone? E’ immorale che una donna, che prende denaro per affittare i suoi organi sessuali, li affitti poi anche ad altri, a meno che non sia convenuto cosi. E’ vero pero’ che in siffatti paesi la donna non trova neanche un boccone da mangiare, ne’ un giaciglio, se non affitta i suoi organi sessuali, sicche’ un inganno da parte sua infrange in fondo solo un contratto immorale. Ma se non ha nulla per coprire verecondamente la propria nudita’, a meno che non la venda! Voglio dire: in un paese come il nostro e’ tutto immorale, sia l’adulterio che il matrimonio.

Bertolt Brecht
"Me-ti libro delle svolte"

SOKRATES n°6
– 15 Maggio 1996

La Toscanini